L’arco

A volte tornano questi ricordi di una infanzia così lontana che faccio fatica a credere di averne mai avuto una. Era appena finita la scuola e tutti si giocava dalla mattina alla sera in mezzo ai campi vicino. C’erano le varie bande che mantenevano i loro territori e c’era un telefilm che si faceva in una delle due soli reti della tv che c’erano. Il telefilm era “Orzowei” e ci aveva tutti contagiati .Allora con i miei nove anni ero un ragazzino già selvaggio di mio ma con quella serie e l’altra di Sandokan e dei suoi tigrotti di Mompracem che era già andata l’anno prima se non ricordo male,insieme ai miei amici , se possibile, lo diventammo ancora di più.

E durante quelle estati scorrazzando tra i campi, costruendo le nostre inespugnabili fortezze e capanne tra gli alberi, con avventure e scoperte continue ci eravamo anche dati alla costruzione di vere e proprie armi da combattimento. A ripensarci ora trovo un miracolo che mai nessuno di noi ci abbia lasciato le penne!Un mio amico un giorno ci andò vicino quando ricevette in piena fronte, appena sopra un occhio, una bella pietra lanciata da uno della banda rivale con una fionda. Miii, ancora ricordo il sangue che gli usciva e le bugie raccontate alla madre…sono caduto…eravamo dei duri,nessuno ci avrebbe fatto confessare nulla!

Comunque oltre alle già citate fionde,alle spade di legno, le cerbottane e le sparaelastici l’arma più potente e pericolosa era l’arco.Per farne uno ci voleva del tempo e se facevi tutto per bene e al primo tentativo di tiro non ti si spezzava in mano(e succedeva a molti!)diventava una tua appendice a cui eri legato come ad un fratello! La procedura per realizzarlo iniziava dalla scelta del ramo da usare.Doveva essere flessibile ma allo stesso tempo elastico e resistente.Ricordo che scelsi un ramo di un salice piangente.Lo tagliai e lo scorticai completamente con un coltello.Ah…stranamente i coltelli non li consideravamo armi…ma solo utensili.

Una volta scorticato lo si metteva a “cuocere” al sole quindi lo si metteva a bagno nell’acqua e di nuovo a “cuocere”. Non chiedetemi a cosa servissero ste operazioni.Io l’avevo visto fare e avevo copiato. Dopo una settimana si procedeva a piegare il ramo e unire i due capi con una corda. La corda doveva essere forte da non tagliarsi.Uno spago normale non andava bene. Io trovai uno spago cerato che usava mio padre e,intrecciandone tre ottenni una bella corda tesa e robusta. Poi venne il momento delle frecce. C’erano allora degli stagni con dei canneti a cui non saprei dare il nome. Ricordo che c’era questo stello alla cui sommità c’era come un rigonfiamento morbido di circa 20 cm di lunghezza, di colore marrone scuro.

Erano delle frecce già belle che fatte!In alcune in punta ci inserivamo delle stecche di vecchi ombrelli. Ci era disconosciuta l’aereodinamica per cui non avevamo le alette stabilizzatrici e la precisione non era il massimo.Ma a noi ci piaceva che andassero lontano e per essere dei ragazzini…cazzo se ci andavano lontano!! Un giorno la feci grossa. La tirai lontano si…anche troppo…presi un tipo che vendeva caldaie a gasolio che aveva il deposito li vicino.Lo presi in un braccio(per fortuna non altrove)e gli feci male. Ma mai quanto ne fece poi lui a me! Mi massacrò e fin li ci stava…in fondo me le ero meritate anche se non lo avevo fatto apposta.

Quello che mi fece veramente male fu che mi prese l’arco e me lo distrusse spaccandolo in due! Il vero dolore fu quello e ne avevo ben donde visto che non riuscì mai più a rifarne uno uguale!!
Comunque mi è tornato in mente questo ricordo e giuro che, se vi fosse una realtà parallela, una dimensione in cui si potessero avverare delle realtà immaginarie…beh,in una di esse con il mio arco di un tempo mi piacerebbe trovarmi sulla mia traiettoria di tiro la Fornero per infilzarla da ogni lato possibile e farla schiattare lentamente.Non chiedetemi il perchè.Lo so io. E non parlate di femminicidio…sarebbe solo giustizia,sarebbe solo ciò che si merita senza se e senza ma. E non solo lei ma lei sarebbe la prima in questo momento.

Annunci

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, Blog su racconti, Racconti d'infanzia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...