Capanne, storia di bambini sopravvissuti!

E discutendo prima con un amica si parlava del come noi siamo stati bambini e di come i bambini di ieri sono notevolmente diversi dai bambini di oggi. Ma non sempre è colpa loro però! Secondo i canoni attuali il fatto che oggi io sia qui a scrivere dovrebbe considerarsi una specie di miracolo!

Lo vedo con mia sorella e con la sua bambina di 5 anni. Ma lo vedo anche guardando altri genitori coi loro bambini. Oggi tutti i bambini vivono iper protetti e sono sempre guardati a vista. E’ bene ciò? A mio avviso no. A mio avviso il bambino che cresce così non sviluppa il senso di autoconservazione che è fondamentale per capire i pericoli ed aggirarli.

Io a 5 anni andavo da solo a prendere il giornale a mio padre all’edicola facendo un chilometro ed attraversando una strada Statale. A 6 anni andavo e tornavo tutti i giorni da scuola che distava due chilometri e solo in terza elementare misero l’autobus su cui comunque andavo da solo o con altri bambini.

Ma non finiva qui. Quando non ero a scuola ero per strada o in mezzo a terreni incolti ed il raggio di azione su cui noi bambini dell’epoca giocavamo era di chilometri. Eppure mai caduto in un pozzo,mai caduto in un dirupo o da una casa in costruzione i cui scheletri di cemento armato ci affascinavano e certo non erano come oggi tutti recintati!

E si andava nell’erba alta e in mezzo a terreni incolti ma sapevamo evitare le vipere o vespe e calabroni. Un paio di morsi di cane, qualche braccio rotto e perenni ginocchia sbucciate erano ciò che potevano capitare. E mi son capitate!

Cadere dagli alberi anche eppure non indossavamo caschi ne giubotti antiproiettile che, sarebbero stati comodi quando tra bande trincerati nei fortini ci si tirava contro pietre e frecce! E certo non mancavano le botte che si davano ma più spesso si prendevano…prima e dopo perchè a casa c’era sempre il resto!

E le capanne? Opere di ingegneria che ci mettevano alla prova e che ci vedevano alle prese con chiodi e martelli e seghe(quelle di ferro!!) e asce. La dareste oggi un ascia in mano a vostro figlio di 6-7 anni?? Eppure noi eravamo così, intrepidi e sprezzanti del pericolo? Si e no nel senso che il pericolo lo sapevamo riconoscere perché ci era stata data l’opportunità di farlo. E si cresceva credendo in noi stessi.

E il carattere di ognuno di noi si formava. E siamo sopravvissuti. E a me a volte viene nostalgia di quelle capanne dentro cui ci facevamo sontuose cenette a base di mais rubato e patate cotte sulla brace! Ah si…noi anche col fuoco sapevamo giocare!

Annunci

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, Blog su racconti, Blog vari, Racconti d'infanzia, su di me e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Capanne, storia di bambini sopravvissuti!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...