Film e riflessioni

Ci sono delle storie, non importa che esse siano sotto forma di libro o di film, che lasciano qualcosa, che fanno riflettere e lasciano degli interrogativi. E quando succede non è facile trovare delle risposte. Per lo meno a me succede così. L’interrogativo si insinua e per quanto io mi sforzi di trovare una risposta questa alla fine non è soddisfacente.

La difficoltà credo che stia nel considerare onestamente la questione posta ed immedesimarsi nel personaggio fino al punto di cercare di capire se effettivamente in quella data situazione noi ci comporteremmo allo stesso modo oppure agiremmo diversamente. Credo che nel fare ciò se si è superficiali la risposta sarà banale ed inesatta.

Recentemente ho visto due film, due storie completamente diverse. La prima una commedia sentimentale francese( si ammetto, a volte se non sono banali guardo anche le commedie sentimentali!) il cui titolo italiano è “Un Po’ Tanto Ciecamente” mentre il secondo è un film di fantascienza statunitense il cui titolo è “Passengers“.

Nel primo film, la storia, si svolge all’interno di due appartamenti separati da una parete sottile e del tutto insonorizzata. I due inquilini dei rispettivi appartamenti, un uomo ed una donna, non si conoscono ma, partendo da una posizione conflittuale, a causa dei rispettivi rumori, finiranno per conoscersi e dialogare senza mai vedersi.

In pratica si conosceranno e si innamoreranno semplicemente parlandosi attraverso il muro come capita in pratica nel mondo del web.Il patto iniziale sarà quello di rinunciare alla conoscenza visiva per approfittare appieno di una conoscenza profonda dei rispettivi animi. E fin qui, essendo ciò che avviene di fatto nel web coi social la cosa va anche bene…

Ma…la domanda che mi sono posto è: ok…abbiamo scoperto che siamo in sintonia su tante cose, abbiamo visto che andiamo d’accordo ma è possibile rinunciare al vedersi? Certo…vedendosi l’illusione creata potrebbe svanire…lei potrebbe non piacerti e viceversa tu potresti non piacere. Ma è giusto continuare a cullare un illusione?

Per quanto mi riguarda penso che, potendo farlo sarebbe molto meglio vedersi e poi eventualmente capire se continuare oppure no. Certo, mettiamo che la conoscenza è avvenuta in un social se io sto a Roccasecca e lei sta a Tokio direi che è difficile ipotizzare quell’incontro! Ma se c’è la possibilità logistica(stessa città o almeno regione) perchè no?

Per come sono fatto io la curiosità vince di sicuro! Eppure da quel che vedo e leggo spesso nei blog molte persone preferiscono evitare qualsiasi coinvolgimento fisico pur potendo e accettano di restare in quello stato di intimità senza andare oltre. E nel passato è successo anche a me di proporre incontri e di vedere scomparire la controparte. Poco logico ma succede.

Nell’altro film invece la storia è più “bastarda”. Su una nave spaziale sono presenti delle persone ibernate. Il loro risveglio avverrà solo quando arriveranno in prossimità di un pianeta da colonizzare. Solo che ad un certo punto succede un guasto ed uno di questi passeggeri si sveglia molto prima del tempo il che significa che non arriverà mai vivo a destinazione.

Dopo un anno in cui le prova tutte, la solitudine di questo moderno Crosue inizia a insinuarsi e quando scopre che se volesse potrebbe a sua volta risvegliare qualcuno ed in particolar modo una bella gnocca che ha colpito la sua fantasia, inizia a pensarci. Se non lo fa resterà da solo fino alla morte. Se lo fa avrà compagnia ma di fatto costringerà qualcuno a morire con lui. Eticamente parlando tutti diremmo la stessa cosa: non sarebbe giusto!

Ma, mettiamoci nei panni del personaggio! Siamo davvero sicuri che in quel caso la nostra etica vincerebbe sul nostro desiderio di compagnia e di calore umano e naturalmente di sesso? E sono sincero…non so se ne sarei capace! Ma non so nemmeno se sarei capace di fare diversamente. Fatto sta che lui lo fa e il loro rapporto inizia con questo segreto e questa bugia che lui dice. In pratica le dice che anche lei si è svegliata prima per un guasto…

Per come poi si svolgerà la trama alla fine tutto sommato sarà anche un bene ma, dato che lei poi scopre la cosa e s’incazza come una scaricatrice di porto a cui hanno pestato i calli l’interrogativo di fondo resta: che siate uomini o donne, in una situazione analoga avreste di fatto solo tre opzioni: restare soli e morire, suicidarvi o cercare compagnia sperando che…funzioni o nel caso che non ci ammazzi lei! Io ancora non so cosa farei…

 

Annunci

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, blog su film, Blog vari e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

53 risposte a Film e riflessioni

  1. 65luna ha detto:

    …neanche io! Ciao,65Luna

    Mi piace

  2. CUORERUOTANTE ha detto:

    mmm…dire che manco morta partirei non posso perchè è un film e tu chiedi altro…Essendo donna, cercherei di risolvere il guasto..e ci riuscirei…ecco 😉
    Per la prima domanda…no, non incontrerei nessuno conosciuto via web..ho già dato 🙂

    Mi piace

  3. Mariantonietta ha detto:

    Non credo di potercela fare senza aver bevuto almeno 3 caffè. Troppo difficili queste domande 😀

    Mi piace

  4. Anais ha detto:

    Il primo l’ho visto e l’ho trovato carino e ovviamente surreale, anche se l’analogia con il web ci sta tutta e ti dico che avendo provato l’esperienza, oggi dico passo; 999 volte su 1000 è una delusione. Il secondo sarebbe un bel dilemma ci penso ancora un po’! 😊

    Mi piace

    • Demonio ha detto:

      Io dico che 999 su 1000 la delusione è dietro l’angolo ogni volta che conosciamo qualcuno!Comunque il secondo dilemma è quello che mi ha preso di più!:-D

      Liked by 1 persona

      • Anais ha detto:

        Comunque ne sto discutendo a cena con un’amica mentre beviamo vino… lei “sbernerebbe” senza dubbi… io ancora faccio i conti con la coscienza 😂😂😂😈

        Liked by 1 persona

      • Demonio ha detto:

        Io ancora non mi sono dato una risposta. Se da un lato non lo farei per rispetto dall’altro lato penso che sarei troppo tentato per non farlo! 😔 Però se fossi svegliato io da una bella gnocca penso che non mi dispiacerebbe se fosso single. Certo…se mi svegliasse un uomo mi incazzerei. Il guaio è che non potrei manco dire mo mi t’inculo perché farei proprio ciò che magari vuole! 😂😂😂 Qui le implicazioni possibili sono troppe!

        Mi piace

  5. La dama distratta ha detto:

    Io li sceglierei tutti, così nella confusione chissà chi è stato. Ahahhahahahahahahahahahahhahah

    Mi piace

  6. Per quanto riguarda il primo film, beh… va bene il romanticismo, ma fino a un certo punto. Se la persona che ti interessa, e di cui presumibilmente ti stai innamorando, ce l’hai a due passi, bisogna essere masochisti per non vedersi? A meno che, poi, il “gioco” non sia quello, allora sarebbe tutto un’altra storia… eheheheh!
    Per il secondo film non mi esprimo. Mi viene l’ansia solo a pensarci. Probabilmente penserei “E ti pareva! Fra tutti quelli che stanno qua, dovevo svegliarmi proprio io… macheccazz!!!” XD

    Liked by 1 persona

    • Demonio ha detto:

      Ahahahah la sfiga di Fantozzi è sempre in agguato! 😃
      Nel primo caso sono d’accordo con te. Non vedersi potendolo fare lo troverei davvero stupido. Molto meglio farlo e poi nel caso capire se continuare oppure no!

      Liked by 1 persona

  7. Intanto mi hai messo una gran curiosità di vederli. Specialmente il film francese. Allora, ci ho riflettuto. Hai alzato degli spunti di riflessione cazzuti. Nel primo caso deciderei di abbattere il muro, concretizzare, anche se alle volte cullarsi in un’illusione tenta. È tutto perfetto, puoi giocare con l’immaginazione e non corri il rischio che qualcosa si incrini. Nel secondo caso invece credo che mi sarei fatta un sacco di paranoie, di scrupoli morali ma alla fine avrei risvegliato qualcuno. Poi, ovviamente si devono vivere le cose, ma sarebbe troppo facile fare finti moralismi o nascondersi dietro un dito. Da solo, nello spazio, penso che a un certo punto la solitudine, lo smarrimento, l’idea di non vivere e morire solo la faccia da padrone.

    Liked by 1 persona

    • Demonio ha detto:

      Mi è piaciuto molto questo tuo intervento perchè è stato molto sincero. Nel primo caso sono totalmente d’accordo e penso che anche io avrei fatto di tutto per approfondire la conoscenza. Nel secondo caso ho invece ancora dei dubbi!Probabilmente la solitudine giocherebbe una grande pressione e sarei indubbiamente tentato.Poi però mi domando se, dovrei dire la verità o tacere!E se tacessi poi riuscirei a vivere con questo peso? Questo è un altro dilemma! Poi va beh…con la sfiga che ho io sicuro sveglio una lesbica o, se mi dovessero svegliare sicuramente mi sveglierebbe la più brutterrima dell’universo!:-D

      Ps da qualche parte avevo scritto un commento ad un tuo post mettendo 2 link. Mi viene il dubbio che o non l’ho inviato o se l’ho inviato è finito dritto nello spam!

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...