L’ultima lettera

«Dopo la guerra, va’ in Germania, ritrova mio figlio e parlagli di suo padre. Parlagli dell’epoca in cui la guerra non ci separava e digli che le cose possono essere diverse fra gli uomini su questa terra. Tuo fratello, Luz».

Luz Long scrisse questi versi nell’ultima lettera indirizzata al suo amico mentre combatteva per la Germania nazista contro gli americani in Sicilia e sentendo in qualche modo che sarebbe stata la sua ultima missiva. Infatti ferito gravemente a Gela, il 10 luglio 1943, sarebbe poi effettivamente morto dopo quattro giorni di agonia.

Chi era Luz Long e a chi scriveva? Long era un atleta, e negli anni prima della grande guerra gareggiava nella specialità del salto in lungo. Era un campione di quella specialità e alle Olimpiadi di Berlino avrebbe gareggiato forte del suo primato europeo. Inutile dire che, la propaganda nazista volle fare di lui il classico esempio di uomo perfetto ariano destinato ad essere superiore a qualunque altro uomo.

Ma in quelle Olimpiadi gareggiò anche un altro uomo, americano questo che si presentava come un atleta eccezionale e che avrebbe gareggiato anche nella velocità vincendo l’oro nei 100 metri piani, nei 200 e nella staffetta 4 x 100. Ma la gara più emblematica fu appunto quella nel lungo dove Owens si scontrò con Long.

Quello che avvenne (raccontato magnificamente nel film Race, il colore della vittoria) fu che Owens fece due salti nulli e prima del terzo, con una sportività che va al di la di ogni barriera ideologica, razziale o politica , Luz Long fece un gesto che resterà nella storia: andò dal rivale e lo aiutò a trovare il punto di stacco per il salto che effettivamente avvenne e portò successivamente Owens a vincere anche questa medaglia d’oro.

Jesse-Owens-et-Luz-Long-300x231

Luz Long and Jesse Owens /Lothar Rübelt /sc

I due diventarono amici e sebbene la follia nazifascista precipitò il mondo in una sanguinosa guerra, essi continuarono a scriversi e tenersi in contatto. Fino a quell’ultima lettera senza risposta che però, a guerra finita, Owens volle onorare andando in Germania a conoscere effettivamente il figlio di Long partecipando al suo matrimonio. Qui e qui, per chi volesse approfondire la storia!

 

Non ti arrivano le notifiche? Hai perso qualche post? Se vai qui  li trovi tutti!

 

 

 

Annunci

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, Blog contro il razzismo, Blog sport, blog su film, Blog vari e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

21 risposte a L’ultima lettera

  1. cuoreruotante ha detto:

    Gran bell’esempio di amicizia!

    Piace a 1 persona

  2. SognidiRnR ha detto:

    Storie belle che si incastrano tra rivalità e guerre di altro tipo! 🙂

    Piace a 1 persona

    • Demonio ha detto:

      Si, proprio per quello mi era piaciuta questa storia!Che poi, immagina la scena allora…Germania nazista, antisemiti e suprematisti, i neri considerati poco più che scimmie, stadio olimpico strapieno e lui, quello che la propaganda avrebbe voluto prevalere va ad aiutare davanti tutti (Hitler incluso!) il rivale e per giunta di colore e quando questi vince è il primo a congratularsi! Ci vogliono anche le palle per fare e dire certe cose in certi contesti storici…quelli che a molti ad esempio mancano oggi, dove, nel silenzio più assordanTe, stiamo riportando alla luce quegli anni!

      "Mi piace"

      • SognidiRnR ha detto:

        Infatti è una gran bella storia. Ci vuole coraggio per portare avanti le proprie idee e fare ciò che è giusto, non cio’ che converrebbe.
        Noi oggi viviamo in un periodo strano, non so se stiamo riportando alla luce quegli anni o stiamo solo covando qualcosa di peggio.

        Piace a 1 persona

      • Demonio ha detto:

        Sai, quando oggi sento che chi aiuta un rifugiato viene arrestato io non posso far a meno di pensare che qualche decennio addietro, quando qualcuno aiutava gli ebrei subiva la stessa sorte. Però si, il timore che possa essere anche peggio c’è…

        "Mi piace"

  3. Vedi che nelle cose negative si possono sempre trovare lati positivi? !?!?!

    "Mi piace"

  4. Evaporata ha detto:

    Decisamente più facile da leggere. Ovviamente l’effetto è meno vistoso, ma se l’intento è di farsi leggere credo sia meglio così. 😀

    Piace a 1 persona

    • Demonio ha detto:

      Grazie mille, magari era anche per questo motivo che i miei post vengono letti poco. Solo che i vecchi post…temo resteranno colorati ma almeno stanno su bianco e se è come dici tu forse si dovrebbero leggere anche quelli un po’ meglio!

      Piace a 1 persona

  5. quasi40anni ha detto:

    Sapevo anche io di questa storia, molto bella e sempre speciali sono le tue riflessioni, in tutti i tuoi post, nelle quali apprezzo il fatto che sei molto sanguigno .

    "Mi piace"

    • Demonio ha detto:

      Io invece non la conoscevo ma a volte capitano delle coincidenze strane e così è stato: prima casualmente ho guardato il film poi dopo qualche giorno è capitato di ascoltare su Rai storia un frammento di quelle olimpiadi quindi ho ricollegato e fatto ricerche per approfondire!Poi visto che è stata una estate all’insegna del razzismo il post è uscito da solo!
      E grazie, mi fa piacere tu lo abbia apprezzato!Sanguigno…In effetti scrivo come parlò, una sorta di ragionamento a voce alta…forse troppo a volte!

      Piace a 1 persona

  6. Pingback: SABATOBLOGGER – I blog che seguo | intempestivoviandante's Blog

    • Demonio ha detto:

      Sono in viaggio e non ho modo di ricambiare come dovrei la visita(devo farlo da pc…Dal cell mi sento limitato!) Però ecco…grazie!
      E per il nick…Beh, sempre se hai un pc, nella pagina, nella sezione del su di me, trovi tutta la spiegazione al riguardo…e vedrai che qualcosa di diabolico lo trovi anche se, amo definirmi un povero diavolo!😉😈

      "Mi piace"

  7. Pingback: Curiosità statistiche | Blog di Demonio

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.