Una giornata al museo…

Se il film una notte al museo e il suo seguito ha delle gag divertenti non è assolutamente paragonabile al film in diretta che si è svolto davanti al Museo Egizio di Torino e che ha visti contrapposti da una parte i rappresentanti , Meloni in testa, della formazione tutta fascista di Fratelli d’Italia e dall’altra parte il direttore dello stesso museo. Il risultato? Beh…Ben Stiller…levati proprio…il nostro film in quato a comicità è inarrivabile!

La trama: una banda di mentecatti fascisti, forte della propria imperitura ignoranza e convinti di essere i padroni del mondo, che probabilmente non ha mai letto un libro vero e che al massimo sarà stata in visita al museo della porchetta, decide di insegnare a svolgere il proprio lavoro al direttore del museo che però, armato di cultura, competenza e di dati alla mano, fa fare a quest’ultimi una incredibile figura di merda!

Motivo di tutto ciò? Semplice…nella loro farneticante visione limitata del mondo e della società, hanno ritenuto che fare una promozione in favore del mondo arabo equivalesse a discriminare gli italiani! Ora…ma sono idioti? A parte che poi l’equazione arabi = musulmani non esiste visto che, come ha ricordato il direttore, vi sono anche arabi cristiani…ma va beh…sempre come ha spiegato il direttore se fai cultura il tuo compito è quello di avvicinare il più alto numero di persone ad essa e non il contrario! Comunque visto che ho trovato un articolo che spiega molto meglio di come potrei fare io le cose, ve lo riporto paro paro!

Da Rolling Stone:

Una delle serie di gag più famose di Corrado Guzzanti, periodo Ottavo Nano o giù di lì, è quella de ‘La Casa delle Libertà’. In un appartamento apparentemente normale, a un certo punto, a qualcuno viene un’idea sovversiva, come pisciare sul divano o abbattere un muro a mazzuolate per fare una nuova finestra sul salotto del vicino: e alla voce fuori campo che esclama ‘Ma questo non si può fare!’ il protagonista, impenitente, risponde ‘Ma certo che si può! Nella casa delle libertà!’, dopo di che parte un trenino sulle note del Discosamba e quindi lo slogan ‘Facciamo un po’ come cazzo ci pare’. La casa delle libertà, ovviamente, era il nome della coalizione che avrebbe portato al governo Berlusconi e il centrodestra unito per cinque lunghissimi anni, a cui le percentuali bulgare con le quali vinse le elezioni portarono un leggerissimo delirio di onnipotenza.

E visto che le elezioni si avvicinano e i sondaggi più o meno sono concordi e già Giorgia Meloni sente il friccicorio della vittoria, ha iniziato a interiorizzare lo slogan di quella che era la copia in carta-carbone della sua coalizione e a fare ‘un po’ come cazzo gli pare’. Tipo promettere, tramite il responsabile della comunicazione di Fratelli d’Italia Federico Mollicone, il licenziamento di un direttore di museo. Anche se, per ironia della sorte grazie a un provvedimento proprio della Casa della Libertà, non può. ‘Ma tutto questo Giorgia non lo saaa’ chiosa De Gregori, e le cose che non sa, come si può facilmente evincere dal video su Youtube del rendez vous tra la Meloni e Christian Greco (il suddetto direttore del Museo Egizio di Torino) che l’ha fatta infuriare, sono tante. Andiamo con ordine.

Nello scorso dicembre il museo lancia la seconda edizione della campagna promozionale ‘Fortunato chi parla arabo’, con la quale offre ai circa 35.000 arabofoni residenti nella provincia di Torino la possibilità di acquistare due biglietti al prezzo di uno. Era già successo l’anno prima, e i motivi di quest’offerta risiedono sostanzialmente nel tentativo di riconciliazione della comunità nordafricana con il proprio patrimonio artistico, in un gesto che ha a che fare con l’apertura, con il ringraziamento e soprattutto con il riavvicinamento di cittadini di varie nazionalità con le proprie radici, sia in ottica prettamente culturale che in prospettiva anti-integralista. Una bella iniziativa, insomma.

Non per la destra militante, ovviamente, che vede nell’offerta una palese discriminazione degli italiani, ma soprattutto, e non si è capito bene perchè, della cristianità tutta. Ci arriviamo fra pochissimo, ma in sostanza dopo giorni di attacchi sui giornali, in tv e sui social da parte soprattutto di Lega e Fratelli d’Italia, a prendere il coraggio a due mani ci pensa Giorgia Meloni, che in occasione di una gitarella elettorale in quel di Torino punta dritta verso l’ingresso del Museo Egizio, intenzionata a dirne quattro al buonista e cristianofobo direttor Christian Greco.

Il problema è che Christian Greco scende e le risponde, annientando tutte le piccole certezze della povera Giorgia. All’accusa di discriminazione religiosa le fa notare che in Egitto ci sono milioni di copti, che sono cristiani ma parlano arabo. All’accusa di far propaganda con i soldi pubblici le comunica che il museo non prende un centesimo di contributi statali. All’accusa di escludere gli italiani dagli incentivi economici alla visita al museo le elenca tutte le altre promozioni in essere, per i giovani, le coppie a san Valentino, le famiglie con un figlio con meno di un anno, per i papà e le mamme nelle loro rispettive feste, persino per i possessori di biglietti Trenitalia. Al che ci si sarebbe aspettati la visita di un adirato Montezemolo, ma lui niente, scena muta.

La stessa scena che fa Giorgia, che tra le altre cose non sapeva che la collezione esposta non è patrimonio italiano ma appartiene a Il Cairo, e che quello di Torino è l’unico museo al mondo a cui non è stata fatta richiesta di restituzione. Un successo, insomma, anche supportato dai numeri, che negli ultimi 3 anni hanno addirittura subito un incremento del 500%. Una sconfitta, invece, per la povera Giorgia, che non potendo replicare come avrebbe voluto (e soprattutto dopo esser stata smerdata pubblicamente grazie al video che ha fatto il giro di tutti i siti d’informazione del paese) ha deciso di rispondere nel più maturo e istituzionale dei modi: il pallone è mio e decido io. Ovvero, promettendo, tramite il responsabile della comunicazione Mollicone, di cacciare il direttore una volta che il suo partito sarà al governo, grazie a uno “spoil system automatico di tutti i ruoli di nomina del ministero della Cultura”. Peccato, Giorgia.

Peccato perchè Christian Greco è uno preparatissimo, uno che guadagnò la sua prima stagione di scavi a soli 21 anni, titolare fino ai 38 della cattedra di Archeologia Funeraria Egizia all’Università di Leida, con una trentina di pubblicazioni all’attivo e che ciononostante ha accettato di tornare in Italia, controtendenza, per dare una mano al suo paese. Peccato perchè sotto la sua gestione i visitatori sono praticamente raddoppiati, passando dai 540.000 del 2013 al milione previsto per il 2018, con quasi dieci milioni di incassi in arrivo quest’anno. Peccato perchè il museo ha subito un restyling imponente, durato quasi tre anni, che ha portato a diecimila metri quadrati d’esposizione con più di tremila reperti esposti, in una nuova veste moderna ed ‘europea’.

Peccato, soprattutto, che tu non lo possa cacciare. Perchè il museo, dal 2004 e per trent’anni, è di gestione esclusiva della Fondazione Museo delle Antichità Egizie, e perciò i direttori se li nomina, e nel caso destituisce, da solo. E visti i numeri, il talento e le migliorie espresse dall’attuale direzione, dubito che vorranno liberarsene. Perciò, cara Giorgia, stavolta ‘questo non si può fare’ per davvero. Nemmeno nella Casa delle Libertà. Brigitte Bardot Bardooot…

PS. Un’ora fa Giorgia Meloni ha smentito di aver minacciato la rimozione del direttore del Museo Egizio di Torino dal suo incarico. Resta comunque il comunicato inequivocabile del responsabile nazionale della comunicazione di Fratelli d’Italia, Federico Mollicone.

 

 

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in antifascismo, blog, Blog ironici, Blog su società e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

19 risposte a Una giornata al museo…

  1. Giuliana ha detto:

    stupendissimo!!!!!

    Piace a 1 persona

  2. Demonio ha detto:

    senza nessuna vergogna!

    "Mi piace"

  3. Liza ha detto:

    Bho’..ma che davvero???? 😨

    Piace a 1 persona

  4. Demonio ha detto:

    e si, meloni di nome e di fatto…

    "Mi piace"

  5. Giuliana ha detto:

    faccia di pizza biancaneve

    "Mi piace"

  6. Demonio ha detto:

    comunque sta gente ormai è ovunque, è in mezzo a noi e il virus dell’idiozia e di tutto ciò che ne consegue, dal fascismo al razzismo ormai sono a livelli incontrollabili e questo è quel che più preoccupa.

    "Mi piace"

  7. Giuliana ha detto:

    e’ il virus dell’ignoranza e della superficialita’. La cultura, l’informazione, il ragionamento sono realta’ in disuso. Siamo circondati da un’ignoranza crassa e non parlo della cultura acquisita a scuola o sui libri, ma dell’ignoranza di vita. Oggi con i mezzi a disposizione, internet, i siti specializzati, le enciclopedie online … c’e’ tutto lo scibile umano. Bastava digitare su google Museo Egizio Torino anche un’ora prima che qualcosa di piu’ avrebbe saputo. Avessi avuto io internet quando ero giovane … oggi si usa per i videogiochi, per scaricare film e musica, la gente non lo sfrutta assolutamente.

    Piace a 2 people

  8. Liza ha detto:

    …il q.i precipita inesorabilmente.E’ un fatto.
    😕

    "Mi piace"

  9. Demonio ha detto:

    Peggio per loro dovrei dire io che appena posso lo sfrutto per scaricare ma anche per cercare e conoscere un po’meglio tutto quello che mi incuriosisce! Ma, purtroppo questo peggio alla fine so che mi (ci)si ritorce contro visto che sta gente domina, governa ed è presente ad ogni livello della società indi per cui…impossibile non averci nulla a che fare…sigh

    "Mi piace"

  10. Demonio ha detto:

    Si, viene da piangere per la rabbia e l’incredulitá nel vedere sto paese ridotto così.

    "Mi piace"

  11. Giuliana ha detto:

    certo, alla fine siamo dipendenti proprio dalle cose che disprezziamo

    "Mi piace"

  12. Demonio ha detto:

    Dipendenti nel senso che nostro malgrado condizionano la nostra vita.E questo fa male

    "Mi piace"

  13. Giuliana ha detto:

    molto doloroso, si

    Piace a 1 persona

  14. mikitazzi ha detto:

    Due giorni fa o forse tre, era “ospite” nella mia città che da sempre è rossa e con quel rosso purtroppo s’è anche un po affossata da sola.. forse proprio perché troppo radicata ancora nell’idea del pugno alto.. Ma vabbè.. sta di fatto che anche volendo essere il più neutrale possibile, superiore al punto di farmi scivolare addosso tanto putrido tanfo, quel giorno sono andata solo per gridarle contro che se ne poteva pure tornà a casa sua.
    E sono stata l’unica. Quasi applaudita, sicuramente venerata con gli occhi..ma oh, ce ne fosse stato uno tra quelli che si definiscono compagni, che abbia detto o fatto qualcosa.
    A me questo fa paura.
    Non la Meloni i fascisti picchiatori razzisti idioti mononeuroni, ma la resa. Il silenzio assenso. La mancanza di personalità. La perdita dei valori.
    Insomma non mi sono sentita a casa…

    Piace a 1 persona

  15. Demonio ha detto:

    Ma come ti capisco! Ormai è tutto ovattato, tutti vivono rassegnati e viviamo paradosso come quelli di Bologna dove un fascista, condannato , fuggito e tornato fa comizi la dove ha ammazzato e…ciò gli viene non solo consentito ma, è il giusto dissenso a venire condannato! Davvero non ho parole.

    "Mi piace"

  16. Ecco, hai visto cosa siamo noi italiani? E non credere che sia una cosa di pochi! Posso avere la cittadinanza araba? O anche lì devo fare lunghe processioni X ottenerla?

    "Mi piace"

  17. Demonio ha detto:

    Mah…araba bisogna vedere di dove…Arabia Saudita?Mhhh li direi proprio di no…

    Piace a 1 persona

  18. Vorrei forse solo non essere italiana

    "Mi piace"

  19. Demonio ha detto:

    Io invece vorrei che non lo fossero certe persone…

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.