Liberi…

A scanso di equivoci chiariamo subito che la giornata dedicata alla liberazione non mi trova affatto contrario…anzi…trovo l’importanza di questa giornata festiva molto condivisibile. E pur non essendo uno che ami particolarmente le feste sicuramente tra una festa laica ed una religiosa preferisco le prime se non altro perché, almeno in teoria, i loro valori fondanti dovrebbero essere universali e condivisi da un ampia maggioranza.

Detto ciò vi sono alcune cose di questa giornata che non mi sono mai piaciute o che comunque mi lasciano un senso di vuoto come se stessimo ammirando un opera d’arte che per qualche ragione è rimasta incompiuta. Tra le cose che mi danno molto fastidio vi sono le parole retoriche, spesso bugiarde se non ipocrite che vengono pronunciate e che il più delle volte somigliano a quelle poesie imparate a forza dai bambini che le ripetono senza comprenderle e senza sentirle proprie.

Ad esempio trovo ipocrita che si parli di libertà, di liberazione quando poi quella stessa libertà viene negata ad altre persone o ci si schieri dichiaratamente per alzare nuovi muri, nuove barriere e nuove oppressioni. Insomma la solita vecchia abitudine del fare l’opposto di quel che si dice, del predicare bene ma razzolare male. Una cosa che poi mi da ai nervi e mi suscita istinti omicidi è quando sento la seguente frase: …la liberazione dall’oppressione e dalla crudele follia nazista che ha causato morte e distruzione…bla bl bla…

Cosa c’è di male in questa frase? All’apparenza nulla…anzi…semmai è sacrosanta riferita ad un regime nefasto. E allora? E allora c’è che detta qui in Italia suona mancante di una parte fondamentale e che senza quella parte suona ipocrita perché è come voler dire che tutto ciò che successe fu colpa di una sola nazione che era crudele, spietata, ingiusta mentre l’altra (la nostra) è come se ne dovesse uscire fuori immacolata tanto che, ancora oggi si sente la bestemmia del lui fece anche tante cose buone…

Ecco…se accanto al nazismo non si condanna in egual misura il fratello fascismo quelle parole sono false e ipocrite. Perché il fascismo non è stato da meno in quanto a crudeltà, azioni spietate, azioni criminose, negazione di diritti e di libertà e atti di guerra. No perché sembra sempre che gli italiani siano caduti dal pero come innocenti creature e si dimentica che questo paese mosse le sue truppe contro Francia, Inghilterra, Albania, Grecia, ex Jugoslavia, Russia, Libia, Somalia, Eritrea ed Etiopia…così giusto per ricordarlo…

Invece in questa festa spesso prevale solo il ricordo della liberazione nazista relativo al dopo armistizio dell’8 Settembre ma si dimentica tutto l’orrore fascista che vi è stato prima come se implicitamente si distinguesse fra buoni (noi ) e loro (i tedeschi) come se anche dopo quella data poi non vi fosse stata una certa repubblica… Ora, sarà il solito discorso del politially correct ma a me sembra soprattutto un discorso ipocrita e chi sente davvero questa giornata deve anche considerare che noi italiani siamo stati parte del problema e si, forse ce ne siamo liberati ma va ricordato che non eravamo migliori.

Altro  discorso invece è quello relativo al senso di mancanza che mi da questa ricorrenza che è legato alla consapevolezza di essere liberi ma fino ad un certo punto. Ed allora penso a quanto sarebbe più bella questa giornata se fossimo anche liberi da quelli che reputo tre vere malattie che l’umanità ha contratto e di cui a quanto pare non riesce a guarire liberandosene.

La libertà dalla religione che è un macigno che distorce il nostro giudizio morale. Un esempio ne è la vicenda dello sfortunato bambino inglese. Salvarlo? Certo, più che giusto se vi è una possibilità. Dargli la cittadinanza italiana? Va benissimo. Portarlo qui e trasferirlo nell’ospedale legato al Vaticano? Ok, nulla in contrario. Ma…allora perché negare la cittadinanza ad altri bambini stranieri nati qui? Perché altri bambini invece vengono ignorati, dimenticati e lasciati affogare o seppelliti da bombe? Non vedete un filino di ipocrisia in tutto ciò?

E ancora…se tutto quello che ho detto poc’anzi è giusto visto che si parla di diritti allora perché quando si parla di altrettanti diritti negati la religione invece fa muro indirizzando le scelte politiche? Ecco, questa cosa è assurda eppure ancora oggi, nel 2018 non siamo del tutto liberi.

 

tumblr_p46tiu20Dr1upy5cdo1_500

 

Ma oltre a ciò, non siamo liberi anche da chi ci ha sconfitto nella seconda guerra ed ha posto la sua tutela su questo paese. Gli statunitensi anche se dopo la fine della guerra fredda hanno allentato un po’ le briglia comunque mantengono un controllo sia politico e culturale  oltre che militare sulla penisola. Questo purtroppo è un limite che ci pone spesso a recitare una parte ipocrita nei confronti del mondo. Finirà mai?

368a3532-d426-4837-b1ab-5a79f59c55a3

Ed infine il terzo macigno che ci tiene saldamente in catene è quello economico finanziario. Un potere occulto eppure decisamente presente che non ci lascia alcuno spazio di ribellione a decisioni tanto ingiuste ed inique quanto illogiche. Eppure se domani qualcuno decide che devi pagare di più qualcosa la paghi e basta…se domani qualcuno decide che si chiude qualcosa quella chiude e basta. E quel potere, che spesso si affida a personaggi equivoci non sente ragioni e va avanti per la sua strada accumulando sempre più danaro e sempre più potere e nessuno può opporsi. Insomma liberi ma fin ad un certo punto…

Schermata a 2018-04-25 12-53-20

E tra l’altro c’è anche da considerare che questi tre enormi macigni che gravano su di noi e sul mondo in generale spesso si muovono a braccetto sostenendosi l’un l’altro e ciò rende ogni discorso ancora più complicato. Resta la domanda: saremo mai davvero liberi?

3e04d598-6c43-4c8c-89fb-61349850277c

 

Uno sguardo ai titoli dei miei post precedenti? Vai qui

 

 

Annunci

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in antifascismo, blog, blog su parole, Blog su politica, Blog su religione, Blog su società, Blog su storia e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

28 risposte a Liberi…

  1. Lucy The Wombat ha detto:

    👏👏👏👏

    "Mi piace"

    • Demonio ha detto:

      Troppo gentile, così arrossisco! 😛

      "Mi piace"

      • Lucy The Wombat ha detto:

        No davvero, quoto ogni parola!! Pensa, qui da me oggi si festeggia l’Anzac Day, per ricordare i soldati australiani della prima guerra mondiale (sono molto più in fissa con la prima che con la seconda). Fino a un po’ di tempo fa era una ricorrenza che non si filava nessuno, ora invece di anno in anno diventa una festona ridondante con parate ed esibizione di simboli di orgoglio nazionalista e militare. E intanto inaspriscono sempre di più le procedure di ingresso nel paese per chiunque. Tutto questo mi inquieta 🤔

        Piace a 1 persona

      • Demonio ha detto:

        A quanto pare è così un po’ ovunque…nazionalismi…spese militari…immigrazione e popolo che ubbidisce…e amen…

        "Mi piace"

  2. Paola ha detto:

    E’ la festa della Liberazione, non della libertà. Per quella, dobbiamo ancora lavorare un po’. Buon 25 aprile!

    Piace a 1 persona

  3. Evaporata ha detto:

    Dai, lo sappiamo che non saremo mai liberi. Demonio idealista!

    Piace a 1 persona

  4. The Fawn Flying ha detto:

    “Ma…allora perché negare la cittadinanza ad altri bambini stranieri nati qui? Perché altri bambini invece vengono ignorati, dimenticati e lasciati affogare o seppelliti da bombe? Non vedete un filino di ipocrisia in tutto ciò?” Non ci avevo pensato, ma anche questo allora aumenta il livello di ipocrisia qui in Italia, vista anche la celebrazione.

    Piace a 1 persona

  5. The Fawn Flying ha detto:

    Vero anche questo, però secondo me male non è

    Piace a 1 persona

  6. The Fawn Flying ha detto:

    Ma è il mio di parlare/scrivere ahahahah!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.