Lui, lei…l’altro

Il post che segue lo avrei voluto tanto scrivere io ma chi l’ha fatto lo ha fatto decisamente meglio di come lo avrei fatto io quindi, me ne approprio citando ovviamente l’autrice (da Tumblr, lafemme1978 ) che ha descritto in chiave ironica quello che comunque vedo accadere un po’ ovunque intorno a me! E niente…io ho sorriso, tanto io so singol e al massimo stiamo io e lui e lo trascuro anche…ma voi…e fatevela ‘na cazzo di risata va!

I rapporti di coppia sono ormai formati da lui, lei, l’altro…e per altro non si intende l’amante di turno ma lo smartphone che di amanti può contenerne anche 3 o 4 contemporaneamente.

“Amore, io non ho nulla da nascondere!”

E poi: password alfanumerico con simboli egizi, pin, puk, pop, rock, riconoscimento facciale dopo l’applicazione di 15 filtri e 6 interventi chirurgici (Berlusconi questo passaggio lo ha evitato), codice di sicurezza tramite pizzino, codice penale, codice civile, codice da Vinci, codice Morse…il tutto coperto da segreto di Stato perché fidarsi è bene ma non fidarsi è meglio.

Entri in casa.

Disattivi le notifiche, come Tom Cruise in “Mission Impossible” mentre cerca di disinnescare una bomba, per evitare di saltare in aria al primo squillo.

Telefono rigorosamente all’ingiù.

Cena.

Divano.

Ormai i divani non dovrebbero essere più con la penisola. Bisognerebbe chiedere agli artigiani della qualità la creazione di arcipelaghi, dove ognuno possa continuare a farsi i fatti propri.

“Amore, guardiamo un film?”.

La scelta del film implica lo stesso tempo che serve a Sorrentino per girarlo.

Trascorsi due minuti, ognuno si ritrova con lo sguardo sullo smartphone📱.

Ed ecco arrivare il primo messaggio a lui.

Andrea calcetto.

Secondo messaggio.

Giulio calcetto.

Terzo messaggio.

Sofio calcetto.

E così via.

Lui che ha il fiatone anche quando passa dal tavolo della cucina al divano, vuol fare credere che gioca più partite di Cristiano Ronaldo.

Messaggi a lei.

Corriere Amazon.

Corriere Zalando.

Corrire Yoox.

Ma chi sei, una donna o un centro di smistamento pacchi?

E vogliamo parlare di quanto abbia influito sull’apparato digerente di ognuno, l’avvento degli smartphone?📱

Il tempo trascorso in bagno è aumentato proporzionalmente all’aumento dei gb.

Il film è finito.

Titoli di coda.

Si chiudono le conversazioni su messenger, si risponde ai commenti sull’ultimo selfie, che lei ha postato su Instagram, di devoti corteggiatori di Photoshop.

Lui non dimentica di cuorare anche lo scopino del cesso che sembra respiri.

Si spegne la tv 📺, si spengono gli smartphone📱 e si ritorna a non essere più single ma persone che hanno una relazione a distanza sullo stesso divano.

Uno sguardo ai titoli dei miei post precedenti? Vai qui

Annunci

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, blog divertenti, Blog ironici, Blog su società, Blog su tecnologia, Blog vari e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

79 risposte a Lui, lei…l’altro

  1. quasi40anni ha detto:

    Ha ha ha! Per alcune coppie credo sia proprio così, del resto le vedi anche al ristorante ognuno col cell in mano , tra di loro non intercorre nessuna parola o sguardo…lo dico sempre io: scegliere un partner che non abbia Facebook o social vari.

    Piace a 2 people

    • Demonio ha detto:

      Ma come mi trovi d’accordo! Io quando sono al ristorante a volte mi sento escluso…sono l’unico che lascia il cellulare nella giacca!🙄
      Poi va beh, tutte ste coppie non le capisco…forse serve perché così non litigano?🤔

      Piace a 1 persona

  2. Evaporata ha detto:

    Bellissima “relazione a distanza sullo stesso divano”! 😀

    Piace a 2 people

  3. Neda ha detto:

    Divertente. Mio marito ed io non avevamo lo smartphone, solo il telefonino e lui che non sapeva leggere e nemmeno scrivere messaggi, me lo dava perché potessi leggerglieli e azzerarli. Una volta si spaventò: una certa Ingrid gli aveva inviato un messaggio che non comprese. Lo tranquillizzai, non era certamente diretto a lui. Io avevo un Nokia 100 e quando ero fuori casa, se suonava, pensavo fosse il cellulare di un altro.
    Ora che sono sola, mia figlia mi ha regalato lo smartphone per comunicare con lei tramite Whatsapp e ho scoperto che tutti i miei contatti in rubrica hanno questo strumento, così mi diverto a vedere le foto che postano sul loro stato, molte son buffe davvero. Io sul mio stato non metto mai nulla.

    Piace a 2 people

  4. Sara Provasi ha detto:

    Bellissimo! 😂 La password con caratteri egizi 😂😂😂

    Piace a 1 persona

  5. Già, sia per lui che per lei, felicemente e con soddisfazioni civili coniugati, lo smartphone purtroppo è una finestra attraverso cui reperire ciò che gli serve per vivere, perché sembra proprio che certe persone non vivano di solo pane mentre il vino li qualifica molto… la questione è se se lo meritano in realtà di conferire significato alle loro vite tra il divano ed il letto, la questione è morale, è sostanziale, grazie alle finestre che aprono nei loro smartphone potrebbero prendere qualcosa come anche sogni, idee, che in realtà non meritano, dunque arrivano i pacchi via corriere degli acquisti di lei, lui va alla partite di calcetto… stanno sul divano, stanno sul letto… fatto tutto… ma… chi c’è dall’altra parte dei loro smartphone?
    Come sta?
    Come stanno?
    Soli, probabilmente, vero?!

    "Mi piace"

  6. cuoreruotante ha detto:

    La realtà che più realtà di così non potrebbe essere. Ad essere social si diventa asociale, ma una volta spento lo smartphone le relazioni vere si spera continuino.
    Zalando e calcetto permettendo 🤦🏻‍♀️

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.