On the road again

Bello tornare a vedere le sale piene, bello tornare a lavorare a pieno regime, con tutta la passione che ci contraddistingue, con tutte le bestemmie di chi continuamente risolve problemi ma che poi trova sempre il modo di tornare a sorridere.

Ancora tre repliche e lasciamo anche Torino. Mi piace questa città, un po’ meno il teatro che come la maggior parte dei teatri italiani andrebbero ristrutturati o ricostruiti da zero ma tanto non frega un cazzo a nessuno e lo sappiano. Ieri sono riuscito anche a fare il turista avendo finalmente una mattina libera. Sono anche andato al museo egizio e me ne sono andato a zonzo. Volevo salire anche sulla Mole ma c’era troppa gente ed io odio le file.

Comunque bella città davvero. Altri due giorni ancora e si ritorna a casa per ripartire di nuovo.

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, Blog vari, su di me e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

26 risposte a On the road again

  1. Evaporata ha detto:

    L’ha ripubblicato su Evaporata.

    "Mi piace"

  2. Demonio ha detto:

    Oh, grazie!

    Piace a 1 persona

  3. Evaporata ha detto:

    Bel service 😀

    "Mi piace"

  4. Demonio ha detto:

    😄 e si, c’è un po’ di robina!

    "Mi piace"

  5. mariluf ha detto:

    Lieta che la città ti sia piaciuta… Io ne sono innamorata, nonostante le sue infinite contraddizioni… D’altra parte, è la mia, quindi è naturale… Spero che tu possa ritornarci, a vedere qualcosa di più. Ciao, e buon proseguimento!

    Piace a 1 persona

  6. Demonio ha detto:

    In realtà ci sono stato tantissime altre volte ma, sempre per lavoro e non avevo mai avuto modo di girarmela un po’. Tra i miei ricordi c’è anche un fantastico Natale passato al CTO perché avevo la schiena bloccata! Questa volta è andata meglio direi! 😄
    E per le contraddizioni…beh non credo che siano una peculiarità anzi…ed io che giro da una vita le vedo ovunque. Però, non so, a me piace anche lo stile architettonico di questa città , magari è solo apparenza ma girandoci ( a piedi!) mette tranquillità!

    "Mi piace"

  7. Neda ha detto:

    Bentornato! Felice di ritrovarti.

    "Mi piace"

  8. Demonio ha detto:

    Ciao, grazie! In realtà non me ne sono mai andato, ho solo smesso di scrivere e non sono neppure certo di aver ricominciato! Vedremo!🤷😈

    "Mi piace"

  9. Neda ha detto:

    Non te nei sei mai andato, vero, infatti sei vivo e vegeto. Però mi sono mancati i tuoi scritti, perciò sono felice di averti ritrovato. Buon lavoro, dunque, finalmente.

    Piace a 1 persona

  10. Demonio ha detto:

    Grazie davvero e del resto se in qualche modo sono rimasto continuando ogni tanto a leggere è solo grazie alla poche persone come te con cui ho sempre avuto piacere conversare!

    Piace a 1 persona

  11. Neda ha detto:

    Dai che, se il tempo te lo permette, si può ricominciare a dialogare.

    "Mi piace"

  12. Demonio ha detto:

    Si con te e pochissimi altri senz’altro! Era l’assenza della maggior parte degli utenti di WordPress che mi aveva allontanato poiché avevo quasi l’impressione ( a volte) di parlare da solo o di non vedere un reale interesse. Per il resto sui social ho sempre avuto un tempo random con lunghe sparizioni ma la mia vita è così: o tanto tempo o nulla!

    Piace a 1 persona

  13. PindaricaMente ha detto:

    Beh, il museo egizio mi sembra il posto giusto per un Tutankhamon come te! 😭

    Piace a 1 persona

  14. Demonio ha detto:

    Ahahah non so, ho visto i sarcofagi ed erano tutti dimensionati per persone piccoline! Io so grosso!

    "Mi piace"

  15. Neda ha detto:

    Credo sia a causa del tuo lavoro questo altalenarsi. Per quanto riguarda la presenza in WP, anch’io a volte sono un po’ assente e poi vado a leggere, praticamente, solo quei blog di cui sono ormai diventata affezionata frequentatrice, o perché scrivono cose interessanti e anche perché sono scritte bene. Alcuni sono scritti tanto bene e coinvolgenti che potrebbero fare invidia a grandi e famosi scrittori. E poi ci trovo lunghezze d’onda “comuni” a me stessa e mi ci soffermo.

    Piace a 1 persona

  16. Demonio ha detto:

    Si, è esattamente come hai detto: quando avevo tempo libero parte di esso l’ho dedicato ai social e come te ho sempre cercato persone interessanti da leggere. Non mi è mai interessato l’apparire tanto per invece ho sempre desiderato intendere il mio blog come una piazza in cui tutti potessero parlare tra loro senza remore di tutto. È questo aspetto che è venuto a mancare sempre di più e che mi ha fatto ulteriormente allontanare anche se causa pandemia, nell’ultimo anno e mezzo di tempo libero ne ho avuto fin troppo! Ma ogni volta che mi passava qualcosa per la testa e che prima avrei senz’altro condiviso poi arrivava una vocina interiore a dirmi: ma che scrivi a fare…lascia stare tanto a che serve…e così ho evitato. Invece l’altro giorno non so, mi è venuta voglia di far vedere questo spettacolo anche con la curiosità di vedere se qualcuno lo avesse visto o sentito parlare. Beh… ovviamente nessun riscontro! Su WordPress non è cambiato nulla! O almeno non lo è sul mio! Mi sarei aspettato non certo i soliti commenti del tipo ma che bello ma che bravo ma cazzo, dopo una pandemia in cui la mia categoria è stata la sola a non lavorare davvero mi sarei aspettato commenti di curiosi, domande, qualche dibattito sul mondo dello spettacolo ecc ecc. Ed invece nulla. Il silenzio avvolge il mio blog. Direi che non è che la cosa mi incoraggia a continuare a scrivere. Tra l’altro, riflessione nella riflessione, di stampo comico: Nadia ha rebloggato il post: la gente ha letto e apprezzato il reblog ma non l’originale! Circa una ventina (l’altro ieri) le persone che hanno messo lì un mi piace e 5 qui. Ora: o da lei mettono mp a caso e nemmeno leggono quel che uno dice oppure viene da pensare che hai letto, hai visto l’autore ma non te ne frega un cazzo di spendere due minuti della tua vita per dire qualcosa sull’argomento. Ecco, boh, a me così non piace, non è così che intendo i social…

    Piace a 1 persona

  17. Neda ha detto:

    Guarda, io abito in un paesello qui nella bassa, sono vecchia come ben sai e qui non ci sono cinema, teatri, ecc. però i giovani hanno creato dei gruppi e fanno degli spettacoli o rappresentazioni quando è possibile. Ora è un po’ tutto fermo, magari si muove qualcosa in un paese vicino più grosso di noi, oppure bisogna andare in città. Mia figlia vive e lavora a Milano, ama molto la musica indie dal vero (quando era all’università si è occupata di radio e di musica indie e nel 2005 ha pure vinto un premio e è stato prodotto un CD con i brani musicali che lei aveva scelto). Ti ho detto questo perché ora, finalmente, ha potuto assistere a qualche concerto dal vivo sia a Milano che questa estate anche a Riccione dove partecipa, sempre quando può, ai Tafuzzi Days. A Torino c’è stata credo quindici giorni fa, proprio per un concerto di musica indie. Quello che lei lamenta è che alcuni suoi amici con cui andava spesso a questi concerti, ora non ci vogliano più andare perché devono rispettare le regole anticovid, non possono fare “pogo” (non chiedermi che cosa sia perché non lo so) e devono stare seduti e distanziati. Ma se ti piace la musica e la ascolti nelle cuffie a casa tua, perché non andare a sentirla dal vero?
    Per quanto riguarda i like messi sul reblog di Nadia, beh, spesso c’è chi mette i like senza neppure leggere. Io ho 500 follower, molti mi likeno, ma ho un interscambio, un dialogo, solo con una decina. Ci sono like in automatico che arrivano pochi secondi dopo che ho postato qualche cosa e non è possibile che abbiano letto e riflettuto. Ma il web è questo: veloce, effimero, poco veritiero e un po’ fasullo. Però, se trovi alcuni con cui scambiare le proprie impressioni, dialogare, dissertare e un po’ anche apprendere, va bene così.

    "Mi piace"

  18. Demonio ha detto:

    Ahahah vero vero, sorrido di gusto a quei like “automatici” di persone così superficiali da credere che se ti mettono una spunta ti facciano quasi un favore o ti rendano felici! Hai ragione su tutto. Quel che a me dispiace è solo vedere un mezzo potente come internet venir di fatto sprecato. Ma tant’è… Pazienza!
    Per lo spettacolo in generale ti dico che, a parte alcune realtà tipo Scala, Piccolo, Santa Cecilia, Arena dove i soldi sono sempre arrivati il resto se l’è vista brutta. In tanti hanno cambiato lavoro. Io ho resistito solo perché avevo soldi da parte e qui non ho grandi esigenze. La situazione nostra in questa compagnia è la seguente: c’è l’obbligo del green pass, ci misurano la temperatura e ogni due/tre giorni ci fanno comunque dei tamponi. Il pubblico entra con l’obbligo di tenere le mascherine e fino ad ora va bene così. Poi certo, il teatro ha un pubblico diverso e composto quindi è un discorso diverso dalla musica live. A proposito, il pogare (sorrido!) è o era un modo di partecipare ai concerti, soprattutto rock o metal, dove ci si muove gli uni contro gli altri prendendosi a spallate. Ovvio che in questo momento, buonsenso consigli di evitare contatti ravvicinati con estranei e gli amanti di quel genere non possano lasciarsi andare.
    A parte ciò complimenti per tutta figlia. È un mondo a me sconosciuto ma se ha avuto successo ne sono felice.

    Piace a 1 persona

  19. Neda ha detto:

    Guarda lei lavora come social media manager e senior content strategist per una grande azienda di pubblicità, ma la musica è sempre stata la sua passione e quando può cerca di andare ai concerti. Non fa parte del mondo dello spettacolo anche se ha partecipato dietro le quinte ad alcune organizzazioni, ma solo così, nel tempo libero, in amicizia.

    Piace a 1 persona

  20. Demonio ha detto:

    Ah beh, sembra in ogni caso una donna ben affermata con un bel lavoro remunerativo il che non guasta! Capisco che tu ne sia orgogliosa!

    Piace a 1 persona

  21. Neda ha detto:

    Purtroppo anche nel suo campo, e anche se il contratto è a lungo termine, possono essere licenziati in qualsiasi momento con un mese di preavviso. In questo caso è più facile trovare lavoro a Milano che qui al paesello, soprattutto un lavoro come quello che fa lei. Qui al paesello, ci sono idraulici ed elettricisti, vivaisti e fabbriche che cercano operai ma non riescono a trovare giovani che vogliano lavorare, si vede che basta loro il reddito di cittadinanza che, in realtà, è superiore alla pensione di reversibilità di noi casalinghe vedove di operai. Mondo strano quello di oggi, all’inizio degli anni settanta noi giovani non avevamo alcuna protezione per quanto riguarda il lavoro, paghe sindacali da fame, contratti con paghe omnicomprensive, niente TFR o ferie pagate, venivamo assunti e licenziati ad ogni stagione, se ci si ammalava venivamo licenziati: pensa che io lavoravo otto mesi l’anno, tutti i sacrosanti giorni della settimana con al massimo due ore di riposo nel pomeriggio, dalle otto del mattino alle due di notte. Pazzesco e mi sentivo privilegiata perché avevo un lavoro.

    "Mi piace"

  22. Demonio ha detto:

    Beh dai, diciamo che prima di sicuro non era giusto e fin troppi si sono arricchiti sulle spalle di tanti poveri cristi. Il problema è che continuano a farlo o vorrebbero e vorrebbero continuare a pagare stipendi da fame con contratti fasulli ( lavori 12 ore ma te ne pago 6…) e, per quanto mi riguarda i giovani fanno benissimo a rifiutare per andarsene magari all’estero dove hanno paghe adeguate! No, il problema non è il RDC ma sono questi imprenditori spesso ladri. In 20 anni l’Italia è scivolata all’ultimo posto in Europa nella classifica delle retribuzioni: oggi si guadagna meno di vent’anni fa. Ovunque sono cresciute le retribuzioni e solo in Italia si sono progressivamente abbassate. Per quanto mi riguarda questa gente deve fallire tutta! Unico interesse comune della maggior parte di loro è sputtanarsi i soldi in coca, gioco, mignotte( pardon…escort!), auto ed evadere evadere evadere. Facile ora prendersela con il RDC che comunque non è quella pacchia descritta visto che la carta che danno serve solo per le spese primarie ( cibo, vestiti, affitto ecc) e non è che sia tutto sto lusso! Vogliono gente che lavori? Che la paghino! Concordo solo sul mondo strano: si lo è ma solo perché un tempo si aveva ben in mente chi era il nemico da combattere mentre oggi è il povero che viene additato come causa di tutti i mali eppure, se in Italia non si produce più un telefono o un tv o qualsiasi cosa di innovativo da più di vent’anni e se tante aziende sono finite in mano ad imprese straniere in motivo ci sarà!
    Faccio una breve chiosa: un mese fa prima di partire ai miei si rompe caldaia( tra l’altro per colpa del manutentore…va beh…). Mia sorella chiama e chiede preventivi. Non rispondeva nessuno. Solo una ditta lo ha fatto facendo anche il sopralluogo a casa. Prezzo con sconto in fattura del 65% …ok… peccato che è gonfiato e non di poco. Sono restati al freddo per tre settimane. 80 e 81 anni. Alla fine io e mia sorella abbiamo accettato l’unica offerta pervenuta perché non potevano più andare avanti così. E questi sono gli imprenditori che si lamentano? Ma di esempi del genere ne posso fare a tonnellate. Non dico che non ci siano anche persone oneste ma…sono solo eccezioni. Ultimo esempio: ho saputo che qui vicino verrà Baglioni con il suo tour. Prezzo del biglietto minimo: 100€ andati tutti esauriti in poche ore. Quanto credi che prenda quello che fa il mio lavoro? Dubito che guadagni cinque volte più di me che lavoro in uno spettacolo il cui prezzo minimo è 20€. La realtà è questa: da sempre è un mondo dove chi può arraffa e gli altri s’attaccano solo che ora, se c’è chi non vuole più attaccarsi viene pure criminalizzato! Ma come, io ti offro uno stipendio da fame per farti fare lo schiavo senza una vita e dignità e tu rifiuti? Ecco la nuova logica…ma che andassero tutti affanculo!

    "Mi piace"

  23. Neda ha detto:

    A proposito dello spettacolo, guardando le foto ho avuto l’impressione che si tratti di un’opera e della Divina Commedia, sbaglio? Pensi che prima o poi la faranno vedere anche in TV, visto che io non avrò modo di vederla altrimenti?

    "Mi piace"

  24. Demonio ha detto:

    No, non sbagli! Si tratta proprio di quello spettacolo.
    Che io sappia credo proprio di no ma nel caso ti farò sapere.

    Piace a 1 persona

  25. Neda ha detto:

    Grazie. Guardo sempre Rai 5 e Save the Date, cercando di capire che cosa accade nel mondo del teatro. Ma anche su Rai 5 ripetono un po’ troppo spesso le stesse cose.

    Piace a 1 persona

  26. Demonio ha detto:

    Per ora so che hanno girato un docufilm con alcuni degli attori ma non è di certo lo spettacolo. Forse non hanno trovato acquirenti interessati e produrselo da loro per venderlo in DVD non garantiva un adeguato ritorno. Boh, davvero non so.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.