Disagioland

L’altro ieri, mentre ero a fare un elettrocardiogramma (nulla di che, solo un controllo!) sentivo nell’altra stanza un dialogo tra una signora, presumibilmente (dalla voce) abbastanza anziana, e il personale dello studio. In pratica questa signora doveva fare una visita ma, aveva sbagliato studio in quanto, ce n’era un’altro li vicino.

La signora continuava a ripetere: ma mi hanno mandato allo studio associato…e quelli si signora ma non siamo noi, deve andare in via…ma io ho l’impegnativa…si signora ma qui e’ solo a pagamento…lei conosce via…e tra risposte abbastanza seccate e la signora evidentemente spaesata e disorientata alla fine l’hanno mandata via.

Questo mi ha riportato in mente un post letto qualche giorno prima (che non linko solo perché proprio non mi ricordo di chi fosse) che mi aveva un po’ commosso e dato da pensare. In breve raccontava un episodio avvenuto in qualche ufficio dove due coniugi anziani si erano recati per avere informazioni.

Ma, quelle informazioni non le riuscivano ad ottenere sia per l’indisponenza dei vari operatori e sia per le barriere tecnologiche che li separavano dal mondo visto che no, non avevano uno smartphone o un PC da cui scaricare quel modello o quel documento e no, non avevano nessuno che potesse aiutarli.

Alla fine, la persona che aveva scritto il post, anch’egli in quell’ufficio per qualche pratica, li aveva aiutati: volevano semplicemente sapere la differenza tra cessione del credito, sconto in fattura ecc ecc per poter cambiare la caldaia.

Ecco, trovo i due casi abbastanza simili e collegati: da una parte la tecnologia sta diventando sempre più presente ma dall’altro, soprattutto le persone anziane hanno difficoltà. Inoltre, tutto ciò, si colloca in un contesto italiano dove la burocrazia crea vere e proprie barriere dietro cui spesso si nascondono persone sempre meno umane ed empatiche.

La cosa brutta è che spesso mi accorgo che anche io quando ho a che fare con tutto ciò spesso sono in difficoltà. In breve, una volta se avevi un problema ti recavi in un ufficio e ponevi domande. Oggi quegli uffici spesso non ci sono più sostituiti da call center o risponditori automatici o FAQ sui siti dove inevitabilmente la domanda che vorresti porre tu non c’è!

A volte mi rendo conto che non saprei a chi chiedere. E allora penso che, se ciò accade a me figuriamoci a persone anziane, magari sole, senza figli e che un PC certamente non ce l’hanno e nemmeno uno smartphone. Ma, a parte tutti questi discorsi tecnici ed abbastanza ovvi la vera questione che mi fa paura è un’altra:

che fine ha fatto la gentilezza delle persone? Perché di fronte a persone evidentemente disorientate usano toni bruschi, perché c’è tanta maleducazione è mancanza di rispetto ed empatia? Per carità, capisco che tutti sono stressati, che tutti hanno i loro problemi e i loro pensieri però boh…se sei a fare un lavoro che presuppone il contatto con la gente un minimo di comprensione e cortesia dovresti averle.

Per carità, capisco che spesso hai a che fare con gente altrettanto maleducata, indisponente e ottusa però, non è che poi devi trattare tutti alla stessa maniera! E comunque la ruota gira e prima o poi anziani lo diventeremo tutti quindi, forse sarà il caso di recuperarla un po’ di quella umanità che vedo sempre di meno.

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, Blog su racconti, Blog vari, su di me e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

18 risposte a Disagioland

  1. liza ha detto:

    Concordo…oramai è tutto andato perso….

    "Mi piace"

  2. Ehipenny ha detto:

    Mi hai riportato alla mente un terzo episodio simile, avvenuto al Cup in tempi di prenotazioni forsennate del vaccino. Una donna anziana non sapeva dove andare, visto che all’ingresso si poteva girare a destra o a sinistra e c’erano ben poche indicazioni, così si è rivolta alla portineria. Ebbene? Dopo pochi minuti di risposte seccate ho sentito chiaramente uno della portineria dirle “Ma allora cosa vuole?”.

    Piace a 1 persona

  3. mariluf ha detto:

    Io sono stata sempre particolarmente fortunata, in tutti i miei contatti con la Sanità. Anche ultimamente, quando ho dovuto farmi fare il tampone covid, l’infermiera che mi ha instradata per l’operazione mi ha poi telefonato il giorno dopo per sentire come stavo… davvero non mi posso lamentare, Mi spiace sentire di tanti episodi così sgradevoli….

    Piace a 1 persona

  4. Demonio ha detto:

    Per fortuna ci sono le eccezioni! Più in generale però trovo che la gente mediamente è più stressata di un tempo e ciò si ripercuote sui rapporti umani. Magari è solo la mia impressione però! 🤷

    "Mi piace"

  5. Demonio ha detto:

    Poverina! Sono queste le situazioni in cui mi metto nei panni dei malcapitati e mi resta tanta amarezza. 😔

    Piace a 1 persona

  6. Demonio ha detto:

    Ho come la vaga sensazione che mi attende una bruuuttaaa vecchiaia!😳

    "Mi piace"

  7. PindaricaMente ha detto:

    Tu nel dubbio chiedi sempre a me che io so sempre tutto!

    Piace a 1 persona

  8. Demonio ha detto:

    Faccio fatica a vederti come il bastone della mia vecchiaia!😂😂😂

    "Mi piace"

  9. Gravantes ha detto:

    E’ Il covid ha dato un ulteriore sferzata a questa mancanza di reperibilità di info. Oggi, devi prima prenotare online e poi andare. Una volta andavi e attendevi il tuo turno, magari ci mettevi una vita ma potevi sempre chiedere a qualcosa a qualcuno, oggi bisogna sbrigarsela da soli. Sempre più barriere tra la gente e gli sportelli, e lo sarà sempre più.

    Piace a 1 persona

  10. Demonio ha detto:

    Si verissimo, col covid le distanze stanno aumentando. Ma anche più in generale c’è sempre di più questa tendenza ad eliminare l’essere umano. Mi viene in mente un tempo quando arrivavi al casello autostradale e chiedevi informazioni…oggi arrivi e senti sta voce…introdurre il biglietto…e niente…vai di navigatore!

    Piace a 1 persona

  11. Gravantes ha detto:

    Vero, e lo sarà sempre di più, solo per eliminare certi costi umani. Lo so perchè ci ho lavorato.

    "Mi piace"

  12. Demonio ha detto:

    Esatto! Ormai è tutto un costo. Mi chiedo di questo passo in un futuro prossimo chi resterà a lavorare e cosa faranno tutti gli altri…

    Piace a 1 persona

  13. Neda ha detto:

    Avevo 16 anni e dovevo fare la carta di Identità. In Comune, all’anagrafe, prima di me c’era una contadina anziana, con una lettera in mano e chiedeva all’impiegato che gliela leggesse, lei era analfabeta e la lettera era del figlio militare di leva. La maleducazione dell’impiegato provocò il pianto della poveretta e io esplosi. Mi sentirono tutti e qualcuno si affrettò a spiattellare a mio padre il mio comportamento, secondo loro, non adeguato al caso. Pensare che alla vecchietta la lettera l’avevo poi letta io. C’è ancora un impiegato in Comune il quale ricorda l’episodio, forse raccontatogli da qualcun altro, quando mi incontra mi guarda di traverso e dice che sono “il piccolo pittbull di …nominando il nostro villaggio”. Purtroppo, la tecnologia non ha migliorato la buona educazione. Ogni giorno vengo infastidita dai call center di ogni tipo e faccio fatica ad essere educata. Per evitare rispostacce che mi verrebbero sulla punta della lingua, chiudo la telefonata appena mi ne accorgo e senza dire una parola, tanto, con la fibra, la linea telefonica cade ogni volta che salta internet. Sai che ogni volta che, per caso, trovo una persona gentile e disponibile, all’altro capo del telefono, oppure in un ufficio, mi viene voglia di abbracciarla e di farle un regalo? Non capita spesso, purtroppo.

    Piace a 1 persona

  14. Gravantes ha detto:

    Bisognerà reinventarsi.

    Piace a 1 persona

  15. Demonio ha detto:

    Con i call center faccio lo stesso… Ma li da parte nostra non ci vedrei maleducazione… è più esasperazione!
    Sul resto…sono davvero situazioni spiacevoli e imbarazzanti. Pitbull però direi che è un soprannome guadagnato di cui andare fieri vista la vicenda!

    Piace a 1 persona

  16. Demonio ha detto:

    Al riguardo ho davvero tanta curiosità!

    "Mi piace"

  17. Neda ha detto:

    Sì, non mi dispiace come nomea, del resto, sono talmente bassa di statura che se mi metto a mordere qualcuno di fronte a me, posso davvero fare danni (sotto la cintura…)

    Piace a 1 persona

  18. Demonio ha detto:

    😂😂😂

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.