Lo vorreste un gemello?

Questa notizia non poteva non attirare la mia attenzione:

L’azienda russa che vuole comprare la nostra identità per trasferirla a robot: “Paghiamo 180mila euro”

Qui la notizia e anche qui

In pratica questa azienda produce robot dalle sembianze umane (androidi) che sono venduti per poter svolgere compiti di attrazione/rappresentanza ecc ecc in eventi, fiere ma anche negli uffici. Insomma c’è già un bel mercato o per parafrasare un famoso film di Carpenter essi sono già tra noi!

Questi robot umanoidi quindi avranno in tutto e per tutto l’aspetto della persona che avrà ceduto i propri diritti di immagine a questa azienda. In pratica chi accetta in cambio di questi 180 mila euro avrà un gemello robot e, magari lo vedrà diventare famoso!

Certo, detta così sembra facile…tu mi paghi e io ti cedo i miei diritti d’immagine. Un po’ come fanno gli sportivi o le persone famose: si viene pagati per un volto che verrà usato per pubblicizzare cose. Non ci sarebbe nulla di male. Però certo sto contratto andrebbe letto bene!

No perché da passare a questo scenario a quello di un film di fantascienza dove il vostro gemello poi non si accontenta più di fare solo il modello ma si prende tutta la vostra vita, il vostro conto corrente, il vostro lavoro, vostra moglie/marito (va beh, qualcuno magari ci guadagna!), la vostra casa ecc ecc è un attimo!

Ora, io continuo a scherzarci ma continuo anche a dire che, mentre il fascioleghista medio, ignorante come una capra continua a pensare che il suo nemico, che gli porterà via le cose, è il migrante e inizia ad alzare sempre più muri (fisici e non) contro di esso, finirà che un giorno, a ritrovarsi dietro un muro ci finirà lui.

E da amante della tecnologia e dei robot continuo a ripetere che la politica dovrebbe occuparsi adesso di stabilire regole e limiti perché un conto è se mi fai robot che vanno su Marte o sotto i mari o in miniera a svolgere compiti pericolosi e proibitivi. Un conto è se diventano un aiuto per l’essere umano diventando una estensione ma, un altro conto è se diventano un rimpiazzo.

Se non si inizia a discutere su ciò, tipo quanti robot uno al massimo può possedere, quanti robot puoi impiegare al massimo in percentuale rispetto a gli esseri umani, cosa può e cosa non può fare un robot, responsabilità e mille altre cose il rischio è davvero quello di finire ghettizzati. In pratica mentre i miopi fanno la guerra ad altri poveracci il grande potere a poco a poco inizia a rimpiazzarti senza che tu manco te ne accorgi.

Ecco, questo era il motivo per cui mi era sembrato interessante parlare di questa notizia. Detto ciò sapete che vi dico? Che se fossi giovane e bello io la mia immagine per 180 mila euro la venderei! Certo, non so se in realtà cercano solo russi ma io, ecco, se fossi in voi e se avessi un bell’aspetto il tentativo lo farei. E voi? Lo vorreste un gemello?

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, Blog su fatti di cronaca, Blog su politica, Blog su società, Blog su tecnologia, Blog vari e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Lo vorreste un gemello?

  1. Neda ha detto:

    Ma, guarda, concordo su ciò che hai scritto riguardo all’etica, però…ecco, io sono vecchia e poco interessante come figura fisica, però quei 180mila euro mi farebbero comodo e, siccome più di una decina dei prossimi anni sarà difficile che campo, magari l’idea di avere un robot, mio gemello, che in futuro campi molto, ma molto più di me, mi può anche solluccherare…sai mai, quasi un’eternità come se la sognavano gli antichi Egizi.

    Piace a 1 persona

  2. Demonio ha detto:

    Ahahah mi sembra un ragionamento sensato! E del resto, soprattutto di questi tempi a chi non farebbero comodo quei soldi! Beh, tu prova a candidarti, poi facci sapere! 🤷

    Piace a 1 persona

  3. Neda ha detto:

    Vedremo…

    "Mi piace"

  4. admin1962 ha detto:

    Mah… stai aprendo un vaso di pandora! I suoi demoni stanno appena iniziando ad uscire e ancora non riusciamo a comprendere la portata di questa personalissima creazione che l’uomo sta mettendo in atto.
    I rischi sono enormi! Penso a tanti segnali come quelli dei robot che stanno provando a rimpiazzare semplici impiegati, receptionist, o addirittura gli “amici” (come alcuni studi dei dati su Alexa stanno raccontando).
    Personalmente concordo con te sul fatto che il loro utilizzo debba essere limitato alla sostituzione dell’uomo quando questo sia vantaggioso per la sua salute e/o sicurezza, gli altri usi per ora li guardo con sospetto alla luce dell’avidità umana, disposta a vendere la madre se servisse a fare soldi!

    Piace a 1 persona

  5. Demonio ha detto:

    Mi piace aprire i vasi di Pandora! Pure i panettoni! Ma scherzi a parte c’è quella parola che hai usato che è emblematica: avidità. Ecco, è quello il male atavico di cui l’umanità sembra non riuscire ad affrancarsi. In nome di essa da millenni si succedono guerre, delitti e ingiustizie dove poter il bene di pochi soffrono tutti gli altri. E qualcosa mi dice che anche con questo elemento tecnologico finirà così.

    "Mi piace"

  6. admin1962 ha detto:

    Salvo qualche miracolo, sarà così! 😭

    Piace a 1 persona

  7. Demonio ha detto:

    Di positivo c’è che almeno queste porcate future non le vedrò!🤷

    "Mi piace"

  8. admin1962 ha detto:

    Mi dispiace toglierti questa certezza… Anch’io mi consolavo così fino a quando non ho preso in considerazione le religioni orientali: e se invece tornassimo sulla terra in un ciclo di reincarnazioni sino a quando il nostro spirito non si sia evoluto per abbandonare questa dimensione fisica? 😢

    Piace a 1 persona

  9. Demonio ha detto:

    Ti dirò, da ateo convinto sono molto ben disposto verso le religioni orientali che reputo essere se non altro, alla luce delle conoscenze di chi le ha elaborate, molto più verosimili di quelle occidentali. Ad esempio la cosiddetta reincarnazione non è un concetto così astruso visto che, essendo fatti di atomi ed energia ed essendo il principio della conservazione dell’energia assodato è altresì palese che, gli atomi di cui siamo fatti avranno milioni di altre ricombinazioni e presumibilmente di altre vite. Se anche la coscienza seguirà questo processo non posso dirlo ma, certamente la vita di un atomo sarà, al netto della morte entropica, una vita pressoché eterna.
    Se posso, mi permetto di segnalarti questo post scemotto che scrissi proprio pensando a ciò:
    https://klaudiomi.wordpress.com/2019/08/16/odissea-di-un-piccolo-atomo/

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.