Priorità e risorse: forse è il caso di cambiarle…

Mi ha appena chiamato mia sorella: le sono entrati i ladri in casa. Ora, a parte che mia sorella non è certo ricca e non dovrebbe rappresentare un obiettivo succulento per dei ladri in cerca di gloria e che alla fine, dopo aver buttato all’aria mezza casa si sono portati via il solo Folletto, forse perché interrotti, lasciando tutti i miei regali (PC, portatile, tablet, HiFi, Nintendo) ho diverse considerazioni da fare.

La prima. Di ordine politico. E sì perché le forze dell’ordine impiegate sul territorio seguono degli obiettivi e delle direttive che partono dal ministero degli interni. Se la direttiva è di contrastare determinate cose probabilmente altre non avranno medesima attenzione poiché, quelle direttive rispondono anche a dei budget.

Quindi alla fine come hanno detto gli agenti a mia sorella sul territorio ci sono solo due volanti, una della polizia e una dei carabinieri a contrastare furti e rapine. Praticamente inutili. Da me però, ogni giorno leggo invece di continui arresti per droga. Per lo più ragazzi o insospettabili professionisti di mezza età beccati con un po’ di polvere.

Bene, mi chiedo: al cittadino comune se l’avvocato si va a comprare mezza Colombia o il gruppo di amici per fare serata si compra qualche grammo di fumo cosa cambia? Per me proprio nulla. Si faranno del male? Ok, cazzi loro. Ma ognuna di queste azioni di per sé non ti sfonda porte, non ti rompe finestre, non ti invade casa, non ti minaccia la tua incolumità. O sbaglio?

Eppure la famosa “emergenza” droga è sempre al primo posto di tutti gli ultimi governi. Il che significa che vengono impiegati sul territorio diverse squadre, telecamere, intercettazioni, appostamenti, pedinamenti, informatori ecc ecc e tutto, badate bene, non per catturare il Pablo Escobar di turno…nooo…per arrestare delle figure ininfluenti che non cambiano di una virgola il fatto che c’è un mercato e chi lo gestisce alza miliardi esentasse.

Ecco, le cose stanno così mentre per i crimini contro le persone o contro le proprietà le risorse a disposizione sono al minimo. Ma a nessuno sembra fregare un cazzo. Non sarà magari il caso di decidere di cambiare le nostre priorità? Non sarà magari il caso di dirottare tutte quelle forze che ogni giorno producono il sequestro di una canna o di qualche bustina senza scalfire minimamente le cose per impiegarle altrove?

Tra l’altro io vivo in un territorio che è scarsamente popolato: persone non del posto saltano subito all’occhio, una attività di controllo e investigativa molto facilmente produrrebbe risultati in brevissimo tempo. Ma se hai solo due volanti che di fatto poi passano il loro tempo a raccogliere denunce e stilare rapporti è difficile che questi prendano qualcuno.

Io fossi in voi, quando prossimamente andrei a votare starei attento alle priorità di chi si candida perché se le priorità sono, droga, immigrati e prostituzione poi non stupitevi se vi entrano in casa o vi rubano l’auto o il nuovo scooter! E ah, non mi fate l’obiezione che quelli sono tossici perché i tossici rubano in modo estemporaneo, non si mettono a fare appostamenti e sopralluoghi per sapere quando non sei in casa.

E non date la colpa agli immigrati perché questa è gente italianissima che sa muoversi sul territorio avendo la tranquillità di passare inosservata. E poi…questi vanno da dei ricettatori e quindi è ovvio che c’è una rete locale. Ce lo vedete un tossico o un immigrato che va in giro a tentare di vendere un folletto senza per altro la confezione? E su…

Altra considerazione invece riguarda sti ladri: come ho detto, mia sorella non è ricca. Mio cognato ha un buono stipendio ma c’è solo quello. Da poco hanno preso una casetta tra altre villette a schiera con un bel mutuo…secolare credo. Hanno una vecchia Peugeot 105 scassata e una Renault Megane non tanto meglio (nemmeno gli alza cristalli vanno perché non riescono a trovare i soldi per ripararli!) e che non siano ricchi si vede.

E niente, guardando sti due che idea si saranno fatti per mettersi a spostare quadri cercando una inesistente cassaforte?? Questi a stento arrivavo a fine mese con quel pur buono stipendio e non è infrequente che a volte mi chiedano un prestito: a me viene solo da pensare che è gente altrettanto disperata che pensa di vincere facile sapendo che, con un piede di porco scassini facilmente la porta e non vai a rischiare nella villa di Briatore.

E allora l’ultima considerazione sociale è : ma davvero non ci vogliamo rendere conto che, se non si redistribuisce verso il basso la ricchezza, se non si creano opportunità di lavoro, se non si rimette mano all’ascensore sociale il rischio è che costantemente poveri lotteranno con altri poveri per la pura sopravvivenza. Davvero volete ancora tollerare questi politici che invece di tassare i ricchi vi stanno di fatto strangolando e questo già succedeva anche senza questa nuova guerra?

Pubblicità

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in Argomenti vari, Fatti di cronaca, Politica, Post, Racconti, Società e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Priorità e risorse: forse è il caso di cambiarle…

  1. low profile ha detto:

    Purtroppo hai perfettamente ragione. Basterebbe legalizzare le droghe per eliminare la microdelinquenza e finalmente non sarebbe più un problema chi si fa le canne, ma non conviene. Come diceva mio nonno:”paga sempre scarpa grossa” (una volta le scarpe erano un bene di lusso e prendevi quelle di tuo fratello,magari due numeri un più del tuo).
    Anche io vivo in un posto isolato, due volanti che impiegano il tempo a multare i local che portano in giro il cane in aperta campagna sprovvisti di sacchettino raccogli deiezioni. Utile, no?😤

    Piace a 1 persona

  2. Demonio ha detto:

    Ecco, hai perfettamente capito il problema e ci troviamo d’accordo. Peccato che in questi anni gli italiani siano stati ottenebrati dai facili slogan ad effetto di felpa pig e compagnia bella per non parlare di quell’altro che gli ha portato a credere che il nemico contro cui aver paura fosse un inesistente comunismo. La vispa Teresa poi che vede il nemico in Immagine di Lennon e il superamento dei confini! In tutti questi anni insomma gli italiani sono stati terrorizzati e vedono minacce dove non ce ne sono mentre quelle reali e concrete sembra che nessuno le noti…almeno fino a quando non si viene toccati in prima persona…

    "Mi piace"

  3. low profile ha detto:

    Proprio così. Il classico fumo negli occhi…che vomito!😖

    "Mi piace"

  4. Demonio ha detto:

    Ormai vivo sempre più dissociato da una realtà che fatico a digerire e capire…

    "Mi piace"

  5. low profile ha detto:

    Da quando avevo quindici anni…dissociazione salvavita

    Piace a 1 persona

  6. Demonio ha detto:

    Si, si fa di necessità virtù però non è un bel vivere

    "Mi piace"

  7. low profile ha detto:

    Forse è solo il mio modo di vivere: ascolto tutte le opinioni, ma poi decido io!

    "Mi piace"

  8. Neda ha detto:

    Da me sono entrati tre volte e con noi sempre in casa, hanno trovato una volta 50 euro nel portafoglio di mio marito, un’altra volta un computer che non funzionava più e l’ultima volta un po’ di bigiotteria, fatta in casa da me per regalarla a delle bambine. Come vedi nemmeno noi siamo ricchi, ma entrano lo stesso sperando in chissà che cosa. Ho molti libri, per fortuna a loro non interessano. Dulcis in fundo sono pure stata sgridata dai carabinieri, arrivati dopo un’ora dalla chiamata, perché avevo lasciato, a giugno, mezza finestra aperta in bagno, da dove sono entrati. Qui da noi, territorio di 45 km quadrati, 8500 abitanti fra centro e tre frazioni, c’è la caserma, funziona dalle nove del mattino alle ore 17, poi se ne vanno e si deve fare riferimento a un altro paese che dista una trentina di chilometro da qui. La polizia urbana è composta da un elemento e mezzo, perciò non si sa bene a che cosa serve anche perché non rispondono mai al telefono. Nella mia via, noi ci avvertiamo casa per casa quando siamo costretti ad allontanarci e facciamo “sorveglianza di quartiere”, ma serve a poco, perché, di solito, ci entrano in casa quando ci siamo anche noi. A un carabiniere ho detto che se mi entrano ancora userò il mattarello per spaccare le gambe al ladro, ma mi ha risposto di non farlo, se lo rendo invalido dovrò anche pagargli le spese. Fossi più giovane, forse dovrei imparare a fare il ladro, avrei meno problemi di certo.

    Piace a 1 persona

  9. Demonio ha detto:

    E direi che mi sembra più che giusto!

    Piace a 1 persona

  10. Demonio ha detto:

    Purtroppo sapere ciò non è bello e constatare che non ci sono isole felici o che nemmeno la presenza li dissuada non fa altro che aumentare in me la rabbia. Ma non tanto contro di loro ma contro il popolo italiano tutto che per l’appunto in questi anni ha ritenuto che i pericoli fossero altri. Se poi magari venissero anche aumentate le pene per chi fa riciclaggio oltre a garantire a chi delinque una pena certa forse qualche motivo in più di speranza ci sarebbe…che nervi…

    "Mi piace"

  11. admin19 ha detto:

    Come contributo alle tue considerazioni mi permetto di consigliarti il film Parasite e di leggere la mia recensione:

    PARASITE

    Direi che simo perfettamente in linea non credit? ​😉​

    Piace a 1 persona

  12. Demonio ha detto:

    Letta la tua recensione ma il film lo avevo già visto e…mi era piaciuto davvero!

    "Mi piace"

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.