Ultime visioni

Ultimamente ho fatto lunghi viaggi in treno e quindi mi sono potuto guardare diverse cose che avevo nel mirino. Bene, qualcosa di ciò mi ha colpito, qualche altra cosa meno e pensavo di parlarne qui per vedere se ci sono altri che la pensano come me o se no cercare di capire i punti di vista diversi. E del resto…non sono certo un critico cinematografico…dico solo ciò che mi resta dopo aver visto qualcosa!

Il primo film in questione è Parasite. Si, mi è piaciuto. Non mi dilungo molto visto che a suo tempo se ne parlò tanto e raccolse anche diversi premi tra cui l’Oscar. Una storia surreale, ambientata in Corea ma la cui tematica è universale ovvero quella storia poteva essere ambientata ovunque e il tema di fondo non sarebbe cambiato: esistono nel mondo due società che convivono e di base si ignorano.

Da una parte i ricchi, alienati da problemi futili, viziati, con vite perfette dove col danaro tutto è possibile. Dall’altra i poveri, i cui problemi quotidiani sono concreti e ci si arrangia cercando di andare avanti. Due mondi inconciliabili dove i secondi sono inevitabilmente portati a pensare che sarebbe bello prendere il posto dei primi. Non necessariamente però se ciò accade il risultato è quello sperato.

Il secondo film dove anche qui vi è un pretesto sociale per lo sviluppo della trama è Windfall. Ecco, anche qui come in Parasite vi è una location che in qualche modo è protagonista ovvero una ricca villa dove quello che solo all’apparenza è un ladro viene sorpreso dai suoi proprietari. Il finale è decisamente inaspettato: ok, forse rispetto al precedente film è più lento ma secondo me merita di essere visto anche lui.

Il prossimo è un film di cui si è parlato tanto e che probabilmente non mi troverà d’accordo con la maggior parte delle persone che lo hanno visto. Infatti lo dico subito: non mi è piaciuto, non mi ha entusiasmato, non mi ha lasciato proprio nulla sebbene vi abbia partecipato un bel cast. Condenso ciò che penso del film con una frase detta proprio nel film: ma tu che cosa hai da dire?

Ecco, sto parlando di È stata la mano di Dio, di recente anche candidato all’Oscar. Ebbene, io cosa volesse dire questo film non l’ho capito. Si, ok, si è cercato di ricordare cosa sia stato Maradona per Napoli ma…e allora? Vero che in quel periodo rappresentò una sorta di riscatto per tutti i napoletani ma, non è che in altre città altri “eroi” calcistici non abbiano fatto altrettanto: probabilmente era anche un periodo storico così, a Roma c’era Falcao, a Udine Zico e così via. Ogni città viveva la propria fantasia e il proprio sogno.

E le vicende di questa famiglia messa sotto l’obiettivo della telecamera per raccontare di Maradona non dicono nulla: sono vicende che migliaia di altre famiglie hanno vissuto e vivono con i figli che crescono e non sempre sono fortunati. Non so, ribadisco che non sono un critico ma a me sto film tanto osannato non ha lasciato nulla. Magari qualcuno mi darà qualche altra chiave di lettura per capirlo meglio ma resta il fatto che non è certo uno di quei film che salverei se dovessi sceglierne qualcuno da portare in un bunker antiatomico!

Un discorso a parte lo faccio sull’ultimo visto: Life. Film di fantascienza. Non parlerò proprio del film che comunque non mi è piaciuto. Certo non lascerà il segno come a suo tempo lo lascio Alien : in entrambi i film il tema era l’incontro con un alieno distruttivo ma quel film lasciò il segno perché seppe dire cose, e tanto per dirne una, in un panorama di eroi maschili ( Rambo, Rocky ecc ecc) seppe proporre una eroina al femminile che per i tempi era inimmaginabile. Per dire…

No, quello che volevo dire prendendo spunto da questo film è: ma perché nelle trame dei film attuali (di fantascienza ma anche di azione/guerra ecc) quando c’è una qualche squadra che deve compiere una qualche missione già dall’inizio si sa che moriranno tutti? Perché deve sempre esserci quello spavaldo, quello nervoso, quello ipocondriaco, quello che non rispetta le regole ecc ecc? Se si parla poi che so di una rapina… immancabilmente qualcuno tradirà. Se sarà una storia di fantascienza o militare alla fine ci sarà sempre una spia o una missione che solo qualcuno conosceva bene e gli altri no.

Ecco, sti film così mi hanno stufato. Visto uno visti tutti. Non lasciano emozioni o suspence. Nulla. Ora, io spesso seguo le notizie degli astronauti sulla ISS, tra poco vi tornerà la nostra Cristoforetti: sono persone estremamente qualificate, razionali, pacate, riflessive: nessuna di queste persone agirebbe come si agisce in questi film dove più che professionisti sembra che a svolgere determinati compiti prendano gente a caso in strada. E su…

Va beh, ne avrei altri di cui parlare ma…mi dimentico dei titoli! Se mi verranno in mente ne parlerò in futuro. E poi già è uscito fuori sto pippone che come al solito leggeranno in pochi e commenteranno ancora in meno! Però io che sono abbastanza contrario alle serie TV ne volevo invece segnalare due molto carine che mi sono piaciute: Carnival Row su cui però avrei anche una perplessità e Love, Death & Robot.

La prima è una serie fantasy la cui tematica è quella della inclusione sociale verso i profughi ed il razzismo che ne deriva: il tutto però trasposto in un mondo dove vi sono gli umani ed i fatati con questi ultimi che, in fuga dalla guerra (degli umani!) vanno ad occupare i più bassi gradini della società venendo schifati da tutti. Unica perplessità è che l’intento è lodevole ma, qui ci sono effettivamente delle razze diverse se non addirittura specie mentre nel mondo reale il razzismo è costruito sulla base di razze diverse inesistenti: la razza umana è una sola.

Detto ciò, ripeto, è una serie fantasy, capisco il messaggio ma forse è un tantino pretestuoso pensare che effettivamente tra specie diverse vi possa essere qualcosa di più che una normale inclusione sociale un po’ come avviene nei mondi di Star Wars o Star Trek. Per farla breve non è che necessariamente un essere umano si debba accoppiare con un cavallo o un coccodrillo!

L’altra serie invece è di animazione. Ci racconta soprattutto del futuro e della tecnologia ma non solo. Ogni episodio, per altro breve è a se stante. Alcuni li ho trovati geniali. Un po’ in stile Black Mirror per chi ama il genere. Sono episodi mai banali, a volte anche ironici, finali che spiazzano e riflessioni che scaturiscono a gogò! Ve la consiglio!

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, blog su film, Blog vari e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

9 risposte a Ultime visioni

  1. PindaricaMente ha detto:

    È stata la mano di Dio è un film bellissimo! (Sei tu che non capisci una minchia!🤦‍♀️)
    Il film non racconta una famiglia come tante, è un film autobiografico, racconta l’infanzia e l’adolescenza di Sorrentino, della perdita dei genitori e di come da Napoli sia arrivato a Roma a fare il regista. E poi stiamo parlando di Sorrentino, che nel suo modo di essere barocco, è un genio per me.
    Ho visto anche Parasite e ho sbadigliato più volte.

    Piace a 1 persona

  2. Demonio ha detto:

    Azz…ci sei andata giù leggera! E comunque che non capisco una minchia non lo nego però il film non mi è piaciuto lo stesso! Ok, autobiografico ma a parte la storia cosa mi vorrebbe dire che già altri non abbiano detto/fatto? Secondo me è proprio il Barocco il problema…preferisco il gotico, al limite il moderno ma il Barocco proprio no! 😂

    "Mi piace"

  3. Neda ha detto:

    A me non è piaciuto nemmeno “La grande bellezza” e non ci ho capito un’amata minchia. E sono tanti i film “d’autore” che ho visto e mi hanno lasciato indifferente: come quando si va in un ristorante famoso, più che stellato, e ti danno nel piatto due cubetti di qualcosa di colorato, belli da vedere, ma non si capisce cos’è.

    Piace a 1 persona

  4. Demonio ha detto:

    😂😂😂 ottima metafora! Ci feci anche un post su sti piatti d’autore! E per certi film è lo stesso: a volte sono troppo autoreferenziali ma poi finito di vederli non ti resta nulla. Poi per carità, i gusti sono gusti e magari ci sono persone come me che non hanno tutti gli strumenti per capire però…secondo me il bello veramente bello lo può capire chiunque anche senza qualcuno che te lo spiega…

    Piace a 1 persona

  5. Neda ha detto:

    Già, mi hai fatto tornare in mente un paio di cose: la prima è sulle opere d’arte, quelle con i titoli roboanti che spiegano il quadro (altrimenti non si capirebbe che cosa rappresenta). La seconda è la risposta che ho dato una volta a chi mi rimproverava di scrivere in modo troppo “semplice” (mentre avrei dovuto usare un lessico più accademico). Ho risposto che se riuscivo a farmi comprendere da un bambino di 10 anni, certamente mi avrebbe compreso anche un professore d’università.

    Piace a 1 persona

  6. Demonio ha detto:

    È proprio così! Invece il contrario non è vero per cui sempre più spesso c’è gente che dice cose che non capisce nessuno…

    Piace a 1 persona

  7. admin19 ha detto:

    Ha ha ha, bellissime le tue considerazioni, sulla ripetitività degli schemi narrativi c, lo stesso dicasi per quei pirla che scelgono per delicatissime missioni spaziali che hanno le caratteristiche di microcefali, o camionisti in trattoria, o ultrà di qualche stadio!
    Non parliamo poi dei film di fantascienza che usano i soliti mostriciattoli horror; per questi ti regalo la mia rece:

    LIFE – NON OLTREPASSARE IL LIMITE


    Ciao Daemon ​👋​

    Piace a 1 persona

  8. Demonio ha detto:

    Ah, visto che avevo a modo mio anche parlato di Parasite! Me ne ero dimenticato! Per il resto… certi sceneggiatori andrebbero presi a calci nelle palle!

    "Mi piace"

  9. Demonio ha detto:

    😅 mi hai fatto ridere con i tuoi incroci!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.