Diabolik

Ho amato i fumetti ed i suoi personaggi. Ne avrò letti quasi 800. Un capolavoro ad opera di due donne, le sorelle Giussani, che hanno creato un genere in un’Italia che, negli anni 70, era così permeata di quel bigottismo e finto perbenismo borghese che il fumetto era sottoposto alla censura ed era vietato ai minori!

Ci furono tante polemiche ad opera dei soliti moralizzatori benpensanti ma, quelli, non mancano neppure ora! Gente così ottusa ed incapace di comprendere che, un opera, sia essa letteraria, cinematografica o appunto un fumetto rientra nel campo della fantasia e, sarebbe bene chiarirlo una volta per tutte, non ha nessun dovere educativo.

Un opera può piacere, può non piacere ma non può esserci nessun ente, stato, persona o organizzazione che debba decidere chi possa o non possa usufruirne. Va bene, questi preamboli per raccontare ciò che rappresentò Diabolik in quella Italia. Quello che invece in molti non hanno saputo cogliere è stato come questo fumetto abbia fotografato il cambio di costume di quell’Italia.

Partendo dai primi fumetti fino ad arrivare agli ultimi, si vede tutto ciò perfettamente. Un personaggio soprattutto è quello che si evolve ed è Eva Kant. Sebbene sin da subito la sua comparsa ha disegnato il carattere di una donna forte, intelligente e astuta all’inizio era praticamente di contorno, molto in secondo piano rispetto a Diabolik. Ma via via che passavano gli anni è diventata sempre più presente e protagonista cogliendo in pieno l’evoluzione della donna italiana.

E del resto erano gli anni del post sessantotto, del femminismo, delle lotte per il divorzio, l’aborto, contro il delitto d’onore e contro un certo conformismo che si rifletteva nel vestiario ad esempio. Insomma è stato un fumetto che fotografava un cambio. Bene, tutta questa premessa da appassionato per parlare invece del film dei Manetti Brothers che ho visto ieri.

Lo dico subito: nel complesso benino ma con un neo. Il protagonista. No, lui, Luca Marinelli, non mi è piaciuto per nulla. Semplicemente non ci azzecca con quello che è il volto ed il carattere del fumetto. Già quando presentarono il progetto la scelta la trovai azzardata però mi dissi che magari poi lo avrebbero truccato a dovere. Invece no. Delusione!

Ma anche la recitazione…eddai…stai interpretando un criminale leggendario, uno sicuro di sé, freddo come l’azoto liquido e te me lo interpreti con quell’aria da coniglio bastonato? Decisamente bocciato. Invece Miriam Leone nella parte di Eva Kant è perfetta e devo dire che è stata una bella sorpresa perché ha incarnato perfettamente il personaggio.

Bravo anche Mastandrea nel ruolo dell’ispettore Ginko. Non proprio somigliante nell’aspetto ma almeno ben caratterizzato anche se, va detto che l’ispettore originale è un po’ più deciso mentre Mastrandrea lo rende più compassato. Ma ci può stare. La fotografia non presenta quelle caratteristiche dei film d’azione patinati ma è più fumettistica e tutto sommato questa scelta non mi è dispiaciuta.

Sicuramente non era facile fare questa trasposizione però, protagonista a parte che proprio non digerivo,come ho detto, alla fine il film tutto sommato funziona e si è lasciato guardare nonostante conoscessi già la storia apparsa nel terzo fumetto. Credo si potesse fare molto meglio dal punto di vista dei dialoghi e della recitazione anche degli attori comprimari. Forse anche il ritmo poteva essere migliore. Insomma, a dargli un voto arrivo ad un sei meno meno. In definitiva però mi aspettavo di più nel senso che potenzialmente era un film da nove ed è stata un’occasione mancata.

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in Argomenti vari, Film, Post, Società e contrassegnata con , , . Contrassegna il permalink.

12 risposte a Diabolik

  1. Neda ha detto:

    Ricordo quando lessi i primi fumetti su Diabolik, io che venivo da Topolino and company. Dopo di che mi buttai su altri fumetti che in quegli anni imperversavano e me ne piacque uno in particolare “Yor il cacciatore” disegnato da Zanotto. Più che le vicende ero interessata al disegno, al tratto e all’ambientazione di questo disegnatore. Molti li scoprivo su Lanciostory, poi andavo a cercarmi i volumetti che riguardavano i disegnatori che mi appassionavano, molti sono stati poi pubblicati addirittura negli Oscar Mondadori. Negli anni novanta invece ho raccolto quasi tutti gli “Asterix”, dei quali ho apprezzato molto l’umorismo. Alcuni li ho in quattro lingue perché mi interessava sapere come certe frasi potessero essere tradotte in altre lingue per rendere lo stesso impatto umoristico. I primi Asterix in italiano sono stati tradotti da Marchesi, il quale diceva che ci era diventato matto nello sforzo di traduzione.
    A proposito di censura letteraria e bigotteria mentale, ricordo che quando avevo sedici anni, un amico mi prestò “L’amante di Lady Chatterley” edizione in francese perché in italiano non era stato ancora tradotto essendo all’indice. Lo lessi in una notte e mi meravigliai che fosse così osteggiato. Avevo già letto alcuni libri di Moravia e pensai che Moravia fosse più “corruttore” di Lawrence, il quale chiamava le cose con il loro nome e senza tanti peli sulla lingua, mentre Moravia sottintendeva, accennava e svegliava quella pruderie che poteva essere peggiore.

    Piace a 1 persona

  2. Neda ha detto:

    P.S.: per quanto riguarda il film, non l’ho visto, ma avevo letto qualcosa quando lo avevano programmato. Anch’io ho pensato che l’attore scelto come protagonista non fosse adatto, troppo diverso da quello immaginato dalle sorelle Giussani. Sai, io quando ho letto Diabolik le prime volte, avevo immaginato che se si fosse fatto un film l’attore avrebbe dovuto essere Sean Connery, quello degli 007. Ovviamente oggi non si può.

    Piace a 1 persona

  3. Demonio ha detto:

    Sono stato anche io un lettore di Topolino e trovo che fosse geniale allora (ora non so, spero sia rimasto uguale) nel dare notevoli spunti con storie solo all’apparenza banali. Asterix anche era molto carino. Altro che mi piaceva ma ero già più grandicello era Dylan Dog ma poi Tex, Zagor, Martin Mystere sono tutti stati ognuno a suo modo da me apprezzati si per il disegno ma anche per le storie, l’umorismo e per la capacità di far sognare.
    E per la letteratura assurdo che l’amante di lady Chatterley fosse osteggiato. Io per fortuna ho potuto leggerlo in italiano senza problemi e l’ho subito considerato un grande romanzo. Di Moravia ho letto poco ma è nel mio bagaglio anche lui. Sul linguaggio e la censura su certi termini ho sempre pensato, e lo penso tuttora, che sia quanto di più ipocrita vi sia. Le parole nascono per esprimere concetti e certe parole lo fanno meglio di altre. Non usarne alcune perché ritenute “sporche” o improprie è semplicemente stupido!

    Piace a 1 persona

  4. Demonio ha detto:

    Ecco, è da ieri che cerco un attore adatto alla parte ma non riesco a trovarlo anche perché mi dimentico i nomi! Però si, Connery sarebbe stato sicuramente migliore! Cercando però mi sono imbattuto in quello che pare sarà il prossimo Diabolik ovvero Claudio Morales (che non conosco) ma che in questa foto già mi convince molto di più!
    https://images.app.goo.gl/fVwig8Gj67Crau239

    Piace a 1 persona

  5. Neda ha detto:

    Oh sì, ci assomiglia un po’.

    Piace a 1 persona

  6. Neda ha detto:

    Quanto hai ragione.

    Piace a 1 persona

  7. Gravantes ha detto:

    Quindi il film è una delusione?

    "Mi piace"

  8. Demonio ha detto:

    Sicuramente più dell’altro! Speriamo sappia anche recitare!😬

    Piace a 1 persona

  9. Demonio ha detto:

    Diciamo che avevo aspettative più alte. Ecco, non mi sentirei di stroncarlo (mi piacciono i Manetti Brothers…Coliandro ad esempio è già nel mito!) però penso davvero che sia stata una occasione mancata per fare un film col botto! Della serie: gli americani mi stanno sulle balle ma con un soggetto così ci avrebbero fatto un film da incassi milionari ed in tutto il mondo…

    Piace a 1 persona

  10. Neda ha detto:

    Volevo scriverlo io…

    Piace a 1 persona

  11. Gravantes ha detto:

    Coliandro è stato una genialatà, anche se i Manetti devono molto ai COhen e al loro Drugo!! Allora non credo lo vedrò!

    Piace a 1 persona

  12. Demonio ha detto:

    Mitico Drugo! Ma si, secondo me il prossimo sarà migliore. Ma nel caso tu dovessi vederlo poi magari mi dirai come la pensi! Magari sono io che sono troppo duro!

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.