Lenti progressi…

Certo, ne sono passati di anni da quando, avendo il mio primo PC lo scambio di dati con altre persone avveniva di fatto a mano o meglio, copiavi dati o programmi su dei floppy disk e fisicamente li portavi a mano ad un amico! E del resto anche quando finalmente internet fu disponibile e le connessioni telematiche furono possibili queste costavano uno sproposito e non è che tutti potevano permetterselo!

Ma ci arrivai ed ebbi il mio primo modem. Velocità? Praticamente ancora si faceva prima a portarli a mano i file! Connessioni lente, per aprire una pagina ci volevano secoli e, se qualcuno alzava il telefono a monte del modem… semplicemente cadeva la connessione! Ma il fascino di sentire quel rumore mentre il modem 56k si connetteva al mondo era senza eguali!

Comunque di lì a poco ci fu finalmente un passo avanti: la linea ISDN che in pratica consentiva di avere sia il telefono e sia internet in contemporanea! Evviva il progresso! E passai anche a quella fase che dai 56k arrivava a 128. Nel frattempo il progresso non si arrestava e già all’orizzonte si profilava la rivoluzione della ADSL che prometteva connessioni veloci e avrebbe rappresentato il preludio alla rete globale di massa.

Ovviamente, all’inizio anche quella costava uno sproposito per cui, per averla aspettai la fine del monopolio SIP/ Telecom e, non appena i prezzi furono abbordabili passai anche a quella nuova era. Era però, di fatto una tecnologia già vecchia perché la terra promessa era la fantomatica fibra ottica! Ma sappiamo come andò…qualcuno decise di affossarla e ad oggi ancora ne paghiamo il ritardo. Vent’anni circa dove solo le grandi città videro realizzate le infrastrutture e il resto ciccia.

Poi piano piano anche grazie agli investimenti pubblici di Open Fiber qualcosa si è iniziato a muovere. Nella mia piccola città hanno dapprima cablato tutto il centro e successivamente le periferie. I lavori ad oggi procedono ancora ma, nella mia solita fortuna, gli scavi nella mia strada non saranno previsti fino al 2024. Che culo!

E niente, in attesa di avere anche io una FTTH, ovvero la fibra direttamente a casa, ho appena fatto quello che è un passaggio intermedio se non altro perché pagherò meno della vecchia ADSL che nel frattempo era diventata ADSL 2 con il miraggio di una connessione a 20 Mega. E così sono passato alla FTTC ovvero una finta fibra nel senso che arriva fino alla cabina ( ad una chilometrata) e da lì resta nel vecchio doppino di rame vecchio di cinquant’anni.

Miglioramenti? Mah…direi appena appena, forse più stabile ma, ben lontano dai 100 mega promessi e sbandierati. Unica cosa è che però essendo ora il router all’ingresso e il PC lontano, per navigare uso un extender WiFi e sicuramente pago pegno in termini di prestazioni. Per cui ora ho in programma di portare un cavo di rete dal nuovo router al PC sfruttando il corrugato della linea telefonica. E dovrò anche fare il ribaltamento della stessa.

Questo perché da ora in poi le telefonate saranno in VOIP cioè, se prima la voce era analogica ed arrivava a casa sul doppino quasi (non esattamente) in diretta dall’altro capo, ora invece viaggia tutta digitalmente rimbalzando tra i server della rete internet ed in pratica è finita un’era! Il problema è che ciò comporta che se prima potevi avere i telefoni in varie stanze in cascata ora li devi fare uscire dal router. E quindi tocca fare pure questo.

In attesa che, fra due tre anni, mi aspetta l’ennesimo cambio di tecnologia e di router sempreché, non finisca che nel frattempo, la tecnologia del 5G e la futura 6G non soppiantino del tutto le reti cablate o invece torneremo a comunicare coi piccioni viaggiatori quindi…boh… chissà…to be countinued…

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in Argomenti vari, Internet ecc, Post, Tecnologia e contrassegnata con , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a Lenti progressi…

  1. Conte Gracula ha detto:

    Un altro problema delle linee voip è che, senza corrente, non hai telefono in casa (se ancora usi la linea fissa, ovviamente).

    Piace a 1 persona

  2. Demonio ha detto:

    Si, vero anche se…senza corrente non si ha neppure acqua calda, riscaldamento e ovviamente internet! Però, fermo restando che tutti abbiamo gli smartphone, per cui almeno finché c’è batteria, comunicare non è un problema, in un secondo tempo, pensavo di prendere anche un piccolo UPS!

    Piace a 1 persona

  3. Neda ha detto:

    Io ho deciso che mi compero i piccioni viaggiatori, se non funzionano me li mangio…perché il router impanato non è per niente buono…scherzo, naturalmente ma il primo PC a casa nostra è entrato 22 anni fa con il tower, ingombrante e rumoroso, sembrava ci fosse dentro un gatto incavolato. Poi il primo modem con pagamento a tempo e l’ADSL, poi l’ISDN con due linee telefoniche e il telefono Mirò con cui si poteva parlare in conferenza…il primo pc della Philips che sembrava un televisore con tubo catodico…e ho imparato tutto da sola facendo casini che un tecnico doveva poi rimediare. Pensare che da bimba avevo imparato a scrivere con cannucce pennini e inchiostro alla luce della lampada a petrolio di mia nonna.

    Piace a 2 people

  4. Demonio ha detto:

    La tecnologia avanza inesorabile solo che il problema è che non sempre (anzi mai) è immediatamente fruibile da tutti. Certo, se quel politico che, in un mondo ideale, stesse in galera invece di aver affossato gli investimenti per la fibra ottica perché aveva altri piani, tipo vendere decoder, beh, ecco, magari a quest’ora già sarei cablato anche io con tutto il paese. Ed invece devo ancora attendere accontentandomi di ciò che c’è.

    Piace a 2 people

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.