L’ultimo Abele, questa non è una recensione!

Se vi aspettate una recensione su questo libro passate oltre! Non è il mio mestiere e non ne ho le capacità. Sono solo un umile lettore che ha letto questo libro scritto da Avvocatolo e che vuole dire giusto due o tre cosette! Del resto le recensioni vengono fatte da due tipi di persone: o dai critici che ti stroncherebbero anche Dante a meno che , dietro lauto compenso non li addolciate un pò oppure da amici e parenti che non possono che parlartene bene! Ed io come detto non sono ne l’una ne l’altra cosa!

Che poi, le recensioni buone sono sempre tutte un lodare…oh quanto è bello…oh quanto ho pianto…la verità è che lo stavate leggendo sitting on the water e nello sforzo supremo vi è uscita la lacrimuccia! Quello è! Vabbuò, ho preso sto libro (e qui lo devo dire!) grazie alle arti da venditrice 3.0 di Alessialia che dopo aver scritto 1735 recensioni e avermi velatamente minacciato di uccidermi almeno altre 23500 volte mi ha di fatto preso per sfinimento!’Na rompicoglioni come lei meritava una citazione giusto avvocaz?

Lei del resto è l’evoluzione dell’imbonitore, da quello porta a porta si è arrivati a quello blog a blog! Comunque il libro l’ho letto e mo, sperando di non essere citato per danni morali, materiali e chissà che altro(gli avvocati son pericolosi!) vi dico che…non vi dico nulla! E si, perché figuriamoci.. se vi dicessi di comprarvi sto libro farei un danno che uno che mi conosce dice: minchia…gli è piaciuto…allora deve proprio far schifo che quel demonio li ragiona tutto a modo suo…no no…lasciamo perdere, andiamo sul sicuro, piglio l’ultimo di Moccia!

D’altro canto non me la sento nemmeno di dirvi di non comprarlo! Metti che un domani state a Rischiatutto e siete li al domandone finale sui capolavori della letteratura e zacchete…busta uno, due o tre…due…bene…vogliamo sapere di chi è figlio Abele nell’ultimo Abele avete 30 secondi…tic tac tic tac…e voi non l’avete letto per colpa mia e perdete tutto…posso mica vivere con sto rimorso? Insomma…fate un pò come cazzo vi pare…non mi prendo responsabilità va bene? 

Oh…ok, chiarito ciò devo dire ‘ste cosette ad Avvocaz…dunque c’è una cosa buona ed una cattiva! La cosa buona è che non chiederò il rimborso e non ne parlerò male! La cosa cattiva invece è che leggendo ho trovato due chiamiamole inesattezze o imprecisioni di cui mi sembrava giusto parlarne se non altro per rispetto al lettore che lo steso autore invoca a più riprese nel libro guidandolo dall’inizio alla fine caso mai il lettore si perdesse. Avvocazz è uno scrittore premuroso, di questo gliene va dato atto!

Allora posso chiederti/le/li/lu/la…miii…dai, ti do del tu ,non ti offendi vero? Dicevo, te le posso dire ‘ste due cose? Ma si dai, io le dico poi nel caso mi uccidi sempre che prima non l’abbia già fatto alessiuccia! La prima, cito:

Allora lo conosceva? Non volle rispondermi. Ma mi disse che le radici di un uomo ne determinano la chioma. Forse è per questo che sono completamente calvo, avrei potuto risponderle. Ma annuii, e  amen

Dunque, magari mi sbaglio ma il dialogo di cui si parla è tra madre e figlio. Il figlio ragazzo stava chiedendo alla madre notizie su un tizio. Ma ricordando l’episodio le dice che è per questo che è calvo ma se era un ragazzo difficilmente avrebbe potuto esserlo quindi sarebbe stata una risposta che a quell’età non avrebbe potuto darle!

Altro punto invece è il seguente:

…visto che la Stazione orbita ad altezze dove un uomo in deltaplano avrebbe problemi di apnea e governabilità del mezzo, a tacer del fatto che la stazione orbitante non ha toilette.

E qui, devo proprio dire che trattasi di un errore perchè la toilette c’è eccome! E in aiuto ci viene in soccorso la mitica Samantha Cristoforetti( astronauta italiana) che vi ha passato sei mesi a bordo e che , nel suo blog Avamposto 42 racconta come, tra i suoi compiti di astronauta vi fosse stato anche quello di far manutenzione al cesso di bordo!

E del resto non è che puoi stare 6 mesi in orbita e tenertela o uscire fuori…scusate…esco un attimo che me scappa da cacà! Quindi hanno una toilette ipertecnologica che però ha bisogno di regolare manutenzione e gli astronauti fanno a turno anche quella perché un idraulico non lo trovi sulla terra figuriamoci nello spazio!

Certo, arrivarci in deltaplano è un pò difficile, su questo avocà, sono d’accordo e pure sul fatto che non è che se ci arrivi bussi e dici: scusate…il bagno? Si, in fondo a destra(stanno sempre in fondo a destra i cessi!) Intanto magari mi fate un caffè…ah serve la chiave? Si tenga, mi raccomando la lasci pulita…grazie…

Va beh, queste erano le uniche due cose che ho notato per cui, ecco, magari dopo che hai venduto la milionesima copia nella ristampa puoi operare una correzione se ti va e se non ti va…lascia così tanto non se ne accorge nessuno…è ‘na cosa internos, giusto per dire…anche perché ma quando mai mi ricapita di poter parlare con un autore che per giunta è pure ancora vivo? Sei vivo giusto?

Allora se sei vivo ti chiedo un ultima cosa…solo una prometto! Allora…di Pippo hai già detto di tutto di più. E come dico sempre è dagli amici che bisogna guardarsi le spalle che i nemici uno li conosce e sei naturalmente sempre in guardia con loro. Ma gli amici zacchete…quando meno te lo aspetti t’inculano usando i più grossi cactus messi al contrario che possano esistere. E’ un dato di fatto.

Ma, sulla nota vicenda che non era il clou ma che come mezzo clou un pò di interesse lo ha suscitato(bella sta parola…potrebbe essere il nome di un ristorante giapponese di suschi!) hai detto poco su Zara. Anzi nulla. Mi spiego…il pippazzo ha fatto tutto quello che ha fatto ma mi è parso di capire(capito male?) che la Zara ne fosse al corrente o che quanto meno qualche cosa doveva pure sapere(i capi sanno tutto!) eppure ne esce fuori come una vergine immacolata quando secondo me se il pippazzo è stato ‘nu strunz pure lei è stata una vera bastarda o no?

 

Annunci

Informazioni su Demonio

Disilluso da tutto senza un futuro vivo in questo presente oscuro senza aspettarmi nulla.
Questa voce è stata pubblicata in blog, Blog ironici, Blog su libri, blog su parole e contrassegnata con , . Contrassegna il permalink.

13 risposte a L’ultimo Abele, questa non è una recensione!

  1. alessialia ha detto:

    e te pareva che la colpa era mia moooo!
    cmq non s’è capito se t’è piaciuto o no…
    vabbe mejo accussi!

    Mi piace

  2. quasi40anni ha detto:

    secondo me il libro non ti e’piaciuto, anche se vero e’ che le cose belle hanno 7 difetti

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...